Widgets Magazine
21:58 18 Luglio 2019
Sole

Astrofisici russi danno nuova interpretazione del legame tra corona e vento solare

NASA Goddard Space Flight Center
Mondo
URL abbreviato
0 01

Gli astrofisici russi hanno seguito il movimento del plasma nelle cosiddette grandi spicule, parte dei "capelli" infuocati" dell'astro (corona solare) ed hanno scoperto che queste emissioni sono direttamente correlate alla nascita del vento solare.

Le loro scoperte sono state descritte in un articolo su Astrophysical Journal.

"Le spicule solari non sono mai state considerate come un fenomeno dell'attività solare, in quanto le masse di materia emesse sotto l'effetto della gravità del Sole ritornano sempre indietro, restituendo la loro energia alla stella. La liberazione totale di energia di questo processo dovrebbe essere nulla", afferma Sergey Bogachev, responsabile dell'Istituto di Fisica P. N. Lebedev dell'Accademia Russa delle Scienze.

Agli osservatori sulla Terra sembra che il Sole sia un disco uniforme e statico, ma in realtà non è così: la sua superficie "ribolle" e si muove costantemente. Grandi bagliori si verificano ogni giorno sulla superficie del Sole, portando all'espulsione di centinaia di milioni di tonnellate di materia incandescente nello spazio aperto.

Questi brillamenti, le cosiddette espulsioni di massa coronale, non sono la principale fonte dell'emissione solare. La maggior parte della materia espulsa fa parte del vento solare e le cosiddette spicule sono piccole protuberanze vicino alla superficie del Sole, in cui la materia della stella accelera e fuoriesce.

Bogachev e il suo collega Ivan Loboda hanno studiato le cosiddette grandi spicule, i "capelli infuocati" del sole più grandi e duraturi, classificati come una via di mezzo tra le spicule ed i grandi getti coronali.

Secondo l'ufficio stampa del Fondo scientifico russo, le osservazioni degli astrofisici hanno portato ad una scoperta inaspettata: è emerso che le grandi spicule "si assottigliano" durante il loro girovagare attorno alla stella, restituendo non tutta la materia al nucleo del Sole dopo essere cadute sulla sua superficie.

Tags:
Spazio, Astrofisica, Astronomia, Scienza e Tecnica, Sole
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik