22:40 14 Dicembre 2019
Operazione al cuore

Biologi russi spiegano come difendere le cellule del cuore da infarto e ischemia

© Fotolia / Kadmy
Mondo
URL abbreviato
0 80
Seguici su

Le cellule del muscolo cardiaco possono essere salvaguardate dalla morte a seguito di un'ischemia o infarto, così come durante lunghe operazioni utilizzando l'acetilcisteina, sostanza utilizzata contro il catarro e da molecole simili. I biologi hanno descritto il loro studio nella rivista Scientific Reports.

"L'aggiunta di queste sostanze a soluzioni protettive utilizzate nelle operazioni col cuore fermo riduce i danni all'organo e diminuisce l'incidenza di aritmie postoperatorie. Prevediamo che i derivati del glutatione possano essere usati per prevenire la cardiopatia coronarica, l'infarto miocardico e l'insufficienza cardiaca cronica", ha affermato Irina Petrushanko dell'Istituto di biologia molecolare dell'Accademia Russa delle Scienze.

Il cuore dell'uomo e degli animali è un organo unico, le cui cellule possono simultaneamente e spontaneamente produrre impulsi elettrici e contrarsi senza aspettare il "comando" dal midollo spinale o dal cervello. Gli impulsi di corrente sono prodotti dalle cosiddette "cellule pacemaker", mentre i cardiomiociti sono cellule muscolari che sfruttano gli impulsi per riprodurre le contrazioni al momento giusto.

La morte di massa delle "cellule pacemaker" e la rottura delle loro connessioni di norma porta all'instaurarsi dell'insufficienza cardiaca e di altri gravi problemi di salute. Per questo motivo il cuore oggi viene trapiantato per intero: i medici non possono sostituire le zone morte del muscolo cardiaco andate in necrosi dopo un attacco di cuore o come risultato di ischemia, usando colture di cellule staminali o frammenti di tessuto cardiaco.

Tags:
Russia, Salute, Medicina, Scienza e Tecnica
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik