10:39 09 Dicembre 2019
Parmigiano

Deputato commenta proposta di vietare l'introduzione in Russia di formaggi esteri

© Foto : Kelly Hau
Mondo
URL abbreviato
252
Seguici su

Gli organismi preposti devono prevenire l'introduzione di vari virus nel paese, mentre i produttori devono garantire ai consumatori la qualità migliorando i loro prodotti e non vietando le importazioni. Lo ha dichiarato oggi a Sputnik il vice presidente della commissione parlamentare di politica economica, industria, sviluppo dell'innovazione e imprenditorialità Vladimir Gutenev.

"La nostra supervisione sanitaria e epidemiologica, così come la supervisione veterinaria funzionano perfettamente. Francamente non vedo grossi rischi. Sembra che, proclamando la preoccupazione per la salute dei cittadini, le grandi imprese stiano cercando di ottenere una posizione dominante su questi o quegli altri concorrenti, a scapito di prezzo e qualità", ha detto Gutenev.

Egli ha sottolineato che, prima di tutto, bisogna garantire al consumatore l'opportunità di sceglierei prodotti che desidera e che sul mercato ci sia concorrenza.

"Solo nelle condizioni di concorrenza vedremo la lotta per i portafogli dei nostri produttori non solo per il prezzo, ma anche per la qualità: mi sembra che teoricamente ci siano rischi di penetrazione di alcune malattie, anche se estremamente minimi", ha aggiunto.

Oggi il sindacato degli zootecnici russi ha scritto una lettera al vice primo ministro Alexei Gordeyev, proponendogli di vietare l'introduzione in Russia di insaccati e formaggi prodotti all'estero anche per l'uso personale. Quindi aumentare i controlli dei bagagli negli aeroporti e sequestrare questo genere di prodotti. Il motivo, secondo gli autori della lettera, è impedire che insieme a salumi e formaggi arrivino in Russia anche una serie di virus animali.

Correlati:

In Russia si vuole vietare l’importazione di prosciutto e parmigiano
Presto Parmigiano perseguitato persino nelle valigie dei russi
Tags:
Divieto, importazione, formaggi, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik