10:48 22 Maggio 2019

CNN: Le Filippine minacciano di guerra il Canada se non si porta via la sua spazzatura

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
1210

Il Presidente filippino Rodrigo Duterte ha ricordato al Canada dei rifiuti che ha portato a Manila nel giro di diversi anni. Il Presidente, famoso per le affermazioni azzardate, ha anche minacciato di dichiarare guerra a Ottawa se il problema non sarà risolto al più presto.

La CNN ricorda che non è il primo anno che le autorità Filippine invitano il Canada a “riportarsi la spazzatura in patria”. Precedentemente il premier canadese Justin Trudeau aveva detto che si stava “impegnando attivamente per trovare una soluzione” al problema.

“Non capisco perché vogliono farci diventare una discarica”, ha detto Duterte. Il Presidente ha aggiunto che se sarà necessario può riportare la spazzatura in Canada autonomamente.

Secondo quanto riporta la CNN, nel 2013 e nel 2014 nelle Filippine sono stati mandati 103 container con 2450 tonnellate di spazzatura da riciclare. Ma gli ispettori locali avevano visionato il contenuto e concluso che questi rifiuti in plastica non era più utilizzabile. Alla fine la spazzatura era stata dichiarata illegale e parte dei container si trova ancora al porto di Manila.

Il problema delle grandi discariche e del loro futuro sta diventando sempre più importante. Per anni i paesi sviluppati hanno mandato i propri rifiuti all’estero, ma la situazione ha recentemente cominciato a cambiare.

Lo scorso anno la Cina ha deciso di negare l’ingresso alla “spazzatura straniera” per limitare i danni ambientali. Sembrerebbe che queste limitazioni spingano i paesi più sviluppati a riciclare i rifiuti, non avendo la possibilità di sbarazzarsene mandandoli da qualche parte.

Correlati:

Presidente estone raccoglie la spazzatura in un parco ucraino
Ecologisti paventano al Regno Unito mancanza d'acqua
In Russia potrebbe essere introdotta una nuova tassa ecologica
Tags:
Politica Internazionale, rifiuti, Ambiente, Filippine, Canada
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik