20:55 21 Maggio 2019
Khalifa Haftar

La procura generale libica ha emesso un mandato per l'arresto di Haftar

© Sputnik . Vladimir Astapkovich
Mondo
URL abbreviato
122

La Procura generale militare della Libia ha emesso un mandato di arresto nei confronti del maresciallo Khalifa Haftar. Il documento è stato pubblicato su Twitter dal governo di consenso nazionale della Libia a Tripoli.

In precedenza, il quotidiano Libya Observer ha riferito che le autorità tripoliane hanno incaricato il procuratore generale militare di emettere un mandato per arrestare i partecipanti all'attacco della capitale. L'esercito di Haftar sta conducendo un'offensiva su Tripoli.

Il giornale ha anche riferito che il presidente del consiglio consultivo di Tripoli, Khaled Mishri, ha esortato le autorità a ripristinare le decisioni del governo di Ali Zidane (2012-2014) e arrestare Haftar per il tentativo fallito di colpo di stato.

"Secondo il testo dell'articolo 20 della legge 1 del 1999 del diritto militare di procedura penale, condanniamo i soggetti citati sopra alla detenzione e dopo l’arresto procederemo a trasferirli nell’ufficio del procuratore generale militare", si legge nel documento.

In primo luogo, il documento menziona Haftar. Oltre a lui ci sono altre sei persone dei ranghi militari.

Haftar è stato un sostenitore del leader libico Muammar Gheddafi, ma negli anni '80 è andato negli Stati Uniti; per il tentativo di colpo di Stato è stato condannato in contumacia in Libia alla pena di morte.

Haftar è tornato in patria durante gli eventi del 2011, ha partecipato attivamente al rovesciamento di Gheddafi e poi ha iniziato a formare l'Esercito nazionale della Libia con gli ex ufficiali.

Correlati:

Offensiva di Haftar su Tripoli finanziata dai sauditi – Wall Street Journal
Reuters segnala incontro tra presidente egiziano al-Sisi e feldmaresciallo Haftar
Forze di Haftar accusano Tripoli di bombardamenti tra i civili
Tags:
esercito, Deserto, Guerra, mandato, Arresti, Khalifa Haftar, Libia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik