Widgets Magazine
22:42 16 Luglio 2019
Il quartiergenerale della NATO a Bruxelles

Ministero degli Esteri: la Russia ha completamente interrotto la cooperazione con la NATO

© Sputnik . Alexey Vitvitsky
Mondo
URL abbreviato
6344

La Russia e la NATO hanno cessato completamente la cooperazione tra le fila civili e militari, ha detto in un'intervista a Sputnik il vice capo del Ministero degli Esteri Aleksander Grushko.

"La NATO stessa ha rinunciato a un'agenda positiva nei rapporti con la Russia. Essa non esiste. E non vi è alcuna indicazione su come la NATO possa uscire da questa situazione di stallo" ha detto.

Il vice ministro degli Esteri ha definito assurda la decisione stessa Alleanza di mettere fine ai normali contatti di lavoro sulla linea, sottolineando che dalle relazioni tra la Russia e la NATO in gran parte dipende la sicurezza in Europa.

Secondo Grushko, l'Alleanza è andata troppo lontano nel fomentare il confronto con la Russia.

“È un paradosso, ma gli odierni rapporti tra Russia e NATO ricordano il "normale" stato di cose, quando la NATO fu creata, durante la guerra fredda. Ancora una volta viene tolta la polvere dalla dottrina di Harmel: il dialogo e il contenimento. Solo che in questa formula ora c’è molto contenimento e poco dialogo", ha aggiunto il diplomatico.

Egli ha dichiarato che le spese militari dei paesi della NATO lo scorso anno hanno superato il trilione di dollari, un cifra 22 volte superiore rispetto alla spesa russa per la difesa.

Grushko ha sottolineato che Mosca non ha intenzione di partecipare alla gara di riarmo con la NATO, ma puntare su “mezzi economici, puntuali ed efficaci".

"Per quanto riguarda il conflitto armato con la NATO, tutte le persone sensate sperano che questo non accadrà. Sarebbe un disastro per tutta l'umanità. Sono sicuro che lo capiscono sia a Washington che a Bruxelles", ha aggiunto il vice capo del Ministero degli Esteri. Secondo Grushko, il rinnovo della NATO sarebbe stato possibile attraverso l'istituzione di un autentico partenariato strategico con la Russia.

"Tale tentativo è stato effettuato al vertice NATO-Russia a Lisbona nel 2010. Tuttavia, in realtà i membri della Nato avrebbero dovuto sacrificare la loro "esclusività", per scoprire l'arte del compromesso e lavorare su un piano di parità, concentrarsi non sul gruppo ma su interessi comuni. Questo non è successo", ha concluso il diplomatico.

Negli ultimi anni, la Russia si trova ad affrontare un'attività senza precedenti dell'Alleanza ai suoi confini. La NATO lo chiama "contenimento dell'aggressione russa". Il Cremlino ha sottolineato che Mosca non rappresenta una minaccia per gli altri paesi, ma non lascia senza risposta le azioni pericolose che minacciano i suoi interessi.

Correlati:

“Prima di contenere la Russia nell'Artico i soldati della NATO devono vincere il gelo”
Comandante forze NATO in Europa: importanti i contatti con la Russia
Viceministro esteri: lo scontro militare Russia-NATO sarebbe una catastrofe per l'umanità
Tags:
dottrina, conflitto, confini, Russia, Europa, USA, NATO, Alexandr Grushko
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik