20:03 23 Aprile 2019
Lenin Moreno

Il presidente dell'Ecuador accusa Assange di aver usato l'ambasciata per spionaggio

© REUTERS / Mariana Bazo
Mondo
URL abbreviato
Arresto di Julian Assange (28)
5012

Julian Assange ha ripetutamente e intenzionalmente violato le regole dell'ambasciata ecuadoriana di Londra, cercando di usarla come un centro di spionaggio. Lo ha dichiarato il presidente dell'Ecuador Lenin Moreno in un'intervista al quotidiano britannico Guardian pubblicata oggi.

"Qualsiasi tentativo di destabilizzazione è un'azione riprovevole per l'Ecuador, perché siamo uno stato sovrano e rispettiamo le politiche di ciascun paese. Non possiamo permettere che la nostra casa, che ha aperto le sue porte, diventi un centro di spionaggio: tali azioni violano le condizioni di asilo, la nostra decisione non è arbitraria, si basa sul diritto internazionale", ha detto Moreno.

Egli ha notato che la decisione riguardante Assange non gli è stata imposta dall'esterno.

"Questa è una decisione sovrana, non prendiamo decisioni in base alle pressioni esterne di alcun paese", ha sottolineato.

Le proteste davanti alla corte dov'è stato portato Assange.
© Sputnik . Demond Cureton
Moreno ha anche confermato di aver ricevuto assicurazioni scritte dal governo britannico che Assange non sarebbe stato estradato in un paese in cui rischia di essere condannato a morte.

Il presidente ecuadoriano ha anche commentato le dichiarazioni del suo predecessore, Rafael Correa, secondo cui avrebbe fatto arrestare Assange in cambio di assistenza finanziaria dagli Stati Uniti.

"È un errore pensare che in cambio di Assange verranno cancellati i debiti dell'Ecuador. Con gli Stati Uniti lavoriamo su questioni di cooperazione, commercio, cultura e sicurezza: mai abbiamo discusso lo stato di Assange", ha aggiunto Moreno.

L'ex presidente ecuadoriano Rafael Correa ha dichiarato in precedenza a RT che Moreno ha consegnato Assange alle autorità britanniche per motivi personali. A tal proposito Moreno ha affermato che la revoca di asilo ad Assange non è legata alla fuga di documenti sulla sua famiglia.

L'11 aprile Julian Assange è stato arrestato dopo che l'Ecuador, nella cui ambasciata di Londra viveva da rifugiato dal 2012 per sfuggire all'estradizione negli Stati Uniti, gli ha revocato la concessione di asilo. Il dipartimento della giustizia degli Stati Uniti lo ha accusato di aver collaborato con l'informatore Bradley Manning (Chelsea, dopo il cambio di sesso) in un attacco informatico ai danni del dipartimento della difesa. Gli Stati Uniti devono presentare tutti i documenti sull’estradizione del fondatore di WikiLeaks Julian Assange entro il 12 giugno.

Tema:
Arresto di Julian Assange (28)

Correlati:

Oliver Stone: Assange ha aiutato la verità a venire alla luce
Il padre di Assange esorta l'Australia a rimpatriare il figlio contro l’estradizione USA
WikiLeaks smentisce pubblicazioni di documenti segreti da parte di Assange
Tags:
Spionaggio, Julian Assange, Lenin Moreno, Ecuador
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik