Widgets Magazine
05:36 26 Agosto 2019
Bandiere Usa, Estonia, NATO

Le forze speciali britanniche inviano riservisti in Estonia per tenere d’occhio la Russia

© REUTERS / Ints Kalnins
Mondo
URL abbreviato
3112

Le forze speciali britanniche hanno inviato due battaglioni di riservisti in Estonia. Lo scopo di queste unità, composte da civili, è monitorare il movimento transfrontaliero di truppe russe e analizzare le intenzioni del “potenziale nemico", scrive il Daily Star.

Per la prima volta, dopo la fine della guerra fredda, la SAS, servizio aereo speciale del Regno Unito, ha iniziato a monitorare l'attività russa. Per questo scopo, i battaglioni 21 e 23 delle forze speciali inglesi sono stati inviati in Estonia, scrive il Daily Star.

Questo schieramento fa parte della cosiddetta presenza avanzata della NATO. In questa operazione, oltre alla SAS, sono schierati la fanteria britannica, elicotteri d'attacco Apache e carri armati, il cui obiettivo è quello di prevenire “gli attacchi improvvisi" di Vladimir Putin in Europa, spiega il quotidiano. 

Due battaglioni della SAS sono nella Repubblica baltica per sei mesi. Eseguono operazioni che si riducono a seguire il movimento del potenziale nemico e l'analisi delle sue intenzioni, afferma il Daily Star. Le forze speciali inglesi sono composte da civili di diverse professioni, tra loro ci sono avvocati, commercialisti, architetti e medici. Questi militari “temporanei" sono accuratamente selezionati e addestrati in vista dei combattimenti, spiega il giornale.

Secondo il Daily Star, nel caso in cui la Russia “attacchi” l'Estonia, le truppe della SAS sarebbero dietro le linee nemiche, dove invieranno messaggi sui movimenti delle truppe nemiche. I soldati della SAS possono anche usare droni da ricognizione per monitorare l'attività russa lungo il confine estone.

"Forse i riservisti della SAS sono i migliori riservisti dell'esercito britannico, non sono inferiori alla fanteria regolare, sono appositamente preparati per le operazioni a lungo raggio di osservazione e di esplorazione", ha detto una fonte del giornale.

Secondo lui, i soldati regolari della SAS sono impegnati in Iraq e in Afghanistan e quindi “questa importante missione", al confine con la Russia, è stata affidata ai riservisti. “Queste truppe sono molto efficaci, dispongono di una varietà di armi e tra loro ci sono i cecchini”, ha aggiunto la fonte del Daily Star.

Correlati:

La devastazione causata dal mortale tornado in Texas (VIDEO)
Estonia, via agli espropri per ampliare il poligono NATO di Soodla
Veliero storico russo “Sedov” respinto dall'Estonia per presenza di marinai della Crimea
Tags:
monitoraggio, esercito, Minacce, Russia, Estonia, Gran Bretagna, Forze speciali
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik