20:45 10 Dicembre 2019
Alien

Gli UFO? Esistono, possiamo vederli ma non entrare in contatto con loro

© CC0
Mondo
URL abbreviato
422
Seguici su

Nei prossimi anni, potrebbero apparire razzi spaziali simili ad aerei e nuovi paesi entreranno nella corsa allo spazio, il numero di lanci aumenterà, ma le probabilità di trovare civiltà extraterrestri rimangono minime, ha detto Doug Millard, vice capo del dipartimento di tecnologia e ingegneria al London Science Museum.

"Ai razzi tradizionali nei prossimi dieci anni si aggiungeranno nuovi velivoli che assomiglieranno agli aeroplani esternamente, a loro volta i robot inviati su altri pianeti potranno essere di qualsiasi tipo e dimensione. La riduzione delle dimensioni di questi velivoli consente di eseguire più compiti. Ora sono in fase di sviluppo piccoli droni ed elicotteri progettati per esplorare Marte", ha detto Millard in un'intervista su Sputnik in occasione della Giornata Mondiale dei Viaggi dell'Uomo nello spazio.

Tra le tecnologie più promettenti, l'esperto ha indicato i motori a razzo in grado di utilizzare l'ossigeno atmosferico, nonché la creazione di componenti in miniatura che consentono di eseguire missioni con micro, nano e persino pico satelliti e sonde spaziali.

I compiti chiave nello spazio rimarranno l'esplorazione di Marte e della Luna, è convinto Millard.

"Saranno sicuramente la Luna e Marte, gli attori internazionali prenderanno in considerazione la possibilità di volare nello spazio vicino alla Luna e oltre fino a Marte. Allo stesso tempo, appariranno nuovi paesi che cercheranno di creare stazioni di ricerca sulla Luna", ha detto lo studioso, notando che l'aumento del numero di aziende che lanceranno razzi ridurrà il costo degli esperimenti spaziali e creerà il potenziale per aumentare il numero di missioni.

La vita quotidiana dei cosmonauti migliorerà gradualmente, ed anche se è già migliorata notevolmente negli ultimi anni, non bisogna aspettarsi che tutto sarà "come un film", ha dichiarato l'esperto.

"Non è cambiato molto dalla creazione della ISS, ma in termini di qualità della vita degli astronauti è ora molto più facile comunicare con i loro parenti e amici sulla Terra e, anche se di poco,  si può dire che il loro menù è migliorato in modo evidente", ha affermato.

La risposta alla domanda principale che preoccupa l'umanità da tempo immemore, sull'esistenza di civiltà extraterrestri, è ancora improbabile che cambi, secondo la fonte dell'agenzia.

"La ricerca di forme di vita intelligente ha sempre interessato gli astronomi, ma al momento non ci sono prove dell'esistenza di tali forme.Tuttavia, lo spazio è così grande che anche se tali forme esistessero, sarà quasi impossibile entrarvi in contatto. Riconoscere le forme di vita più semplici è possibile, data la crescente capacità dei telescopi spaziali che sono in grado di studiare vari gas (ossigeno, metano e così via nelle atmosfere degli esopianeti (pianeti extrasolari) che potrebbero indicare possibili processi vitali", conclude lo specialista del London Science Museum.

Ti potrebbe interessare anche: "Vorrei andare su Marte, ma mi basta anche una passeggiata spaziale" - Intervista all'astronauta Paolo Nespoli

 

Correlati:

“Invasione aliena” nei cieli della Norvegia, ma...
Trovate nuove spiegazioni per la “sonda aliena” passata vicino alla Terra
Astronomi riducono il numero di possibili progenitori dei "segnali radio alieni"
Tags:
scienza, Spazio, extraterrestre, Extraterrestri
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik