08:08 16 Dicembre 2019
An artist's impression of the view from Proxima Centarui b, a newly discovered Earth-sized planet just four light-years away. It is unclear if there is intelligent life in the universe, but searches continue to find Earth-sized planets in the habitable zones of their respective stars

Scienziati dimostrano che può esserci la vita sui vicini della Terra

© NASA .
Mondo
URL abbreviato
0 30
Seguici su

Proxima Centauri e i pianeti del sistema TRAPPIST-1 possono essere abitabili, nonostante l'alto livello di radiazioni ultraviolette sulla loro superficie, dal momento che sulla Terra primordiale c’erano condizioni ancora più rigide, cosa che non ha impedito l'emergere della vita. Questo è stato scritto da planetologi americani sulla rivista MNRAS.

"Considerando che la vita sulla Terra esiste realmente dal momento della sua formazione, abbiamo dimostrato che la radiazione ultravioletta non è il principale ostacolo all'apparizione di microbi anche sui pianeti vicino alle nane rosse. I mondi limitrofi sono ancora gli angoli dello spazio più interessanti per la ricerca di vita extraterrestre” ha detto Lisa Kaltenegger del Carl Sagan Institute di Ithaca (USA).

Negli ultimi tre anni, gli scienziati hanno trovato diversi pianeti che potrebbero rivendicare, se non il titolo di "gemelli della Terra", almeno quello di "fratelli" o "cugini". Il primo pianeta è stato trovato vicino alla nostra stella più vicina, Proxima Centauri, e gli altri tre sono stati trovati nel sistema di stelle TRAPPIST-1 nella costellazione dell'Acquario, nella quale ci sono sette pianeti simili alla terra.

Il pianeta X
© Foto : Roberto Molar Candanosa, Scott Sheppard // Carnegie Institution for Science

Tutti questi pianeti sono caratterizzati dal fatto che sono di piccole dimensioni, si trovano nella "zona della vita", ovvero in un'orbita in cui l'acqua può esistere in forma liquida e ruotano attorno a nane rosse. L'ultimo punto è un vantaggio e uno svantaggio allo stesso tempo: le nane rosse vivono per un tempo molto lungo, il che lascia molto tempo per la nascita della vita, ma alcune di loro hanno un carattere molto irrequieto in gioventù e producono molte eruzioni solari.

Questo chiaramente, come dichiarato dagli scienziati, indicherebbe che molto probabilmente su questi pianeti non sia rimasta vita dopo le eruzioni solari.

Così gli scienziati hanno deciso di controllare se effettivamente è così. Per farlo hanno creato dei modelli computerizzati di questi mondi nei quali vengono sottoposti a raggi UV e da radiazioni cosmiche. Dopodiché hanno confrontato i risultati delle simulazioni con quello che è successo sulla Terra 4 miliardi di anni fa.

Da questo confronto è risultato che il pianeta con meno "vita" non erano questi pianeti lontani in altri sistemi stellari, ma la Terra. Pare che questa abbia ricevuto molte più radiazioni ultraviolette e che la sua atmosfera era molto più inospitale rispetto a quella dei pianeti conosciuti simili alla Terra vicino alle nane rosse.

Ciò, tuttavia, non ha impedito l'esistenza dei primi microbi primitivi sulla superficie della Terra, le cui tracce di esistenza sono state recentemente scoperte in Australia. Come gli scienziati ipotizzano, questi potrebbero sopravvivere all'azione delle radiazioni ultraviolette a profondità sufficientemente elevate o utilizzando vari pigmenti e proteine ​​fluorescenti che assorbono i raggi UV.

Di conseguenza, nulla dovrebbe interferire con l'emergere di sistemi di difesa simili negli alieni che vivono su Proxima b o altri pianeti più prosperi in nane rosse. Pertanto, come conclude Kaltenegger, non si dovrebbero escludere tali mondi dalla ricerca della vita.

Correlati:

Astronomia, scoperto un nuovo pianeta "oceanico" nel sistema solare
Astronomia, trovato nel sistema solare un embrione di pianeta
Marte, la sonda InSight installa strumenti di ricerca sulla superficie del pianeta
Tags:
cyberspazio, Spazio, Scoperta nuovo pianeta, Pianeta, pianeta, Pianeta
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik