Widgets Magazine
15:15 18 Settembre 2019
Bandiera siriana

Damasco: fake news sull'aumento prezzi della benzina causa record di code al distributore

© Sputnik . Michael Alaeddin
Mondo
URL abbreviato
0 03
Seguici su

"La crisi della benzina" è peggiorata nella capitale siriana, Damasco, in questa settimana: le code al distributore di benzina in città erano composte da 150-200 auto anche questo sabato pomeriggio.

È accaduto dopo che i media hanno riferito che le autorità avrebbero aumentato il prezzo del carburante, dato già smentito dal ministro del petrolio. Le stazioni di servizio in Siria a gennaio hanno funzionato per i clienti con carte di plastica elettroniche.

Quelli che non sono riusciti ad ottenere la carta potrebbe potevano avere un massimo di 30 litri di benzina al giorno. Più tardi, il Ministero del petrolio ha limitato le capacità dei proprietari di auto senza carta: potevano fare rifornimento solo alle stazioni di gas statali, e il volume acquistato di carburante non poteva superare i 20 litri alla volta.

In un comunicato stampa l’ufficio a affermato in precedenza, che l'obiettivo dell'attuazione di questo sistema era la prevenzione della distribuzione non uniforme della benzina e la lotta contro il mercato nero e anche contro le code ai distributori.Il prezzo della benzina in Siria è ancora fissato a 225 lire siriane per litro.

Il problema delle code al distributore di benzina non è stato risolto; ogni settimana di solito ci sono almeno 10-15 auto in coda per la benzina. A partire dalle tre di oggi alle stazioni di servizio a Damasco in diverse zone della città però c'erano almeno 150 auto in fila.

I proprietari delle auto sono stati intervistati e hanno detto che temono un duplice aumento del costo della benzina, molti di loro hanno preparato taniche per il rifornimento.
La base di questi sospetti è stato il messaggio apparso su un sito di notizie locale, Hashtag Syria, che riferiva che il ministro del petrolio aveva finito lo studio di un progetto di vendita di 100-120 litri di benzina per ogni vettura al mese ad un costo fisso, e nel caso fosse superato quel volume, i proprietari delle auto avrebbero dovuto pagare a costo “libero”.Dichiarazioni ufficiali in merito, da parte delle autorità, non sono giunte, ma le voci diffuse sono state invece molto efficaci. Il sito in precedenza è stato accusato di diffondere false notizie.

"La causa delle code è stata la pubblicazione di un articolo su uno dei siti di notizie, circolato sui social network venerdì, prima di questo, la situazione era stabile", ha detto il canale di stato Ikhbariya citando il ministrero del petrolio. È stato osservato che lo scopo di tali messaggi “era creare una crisi e diffondere confusione, che è vantaggiosa per gli interessi delle mafie, smascherate dall'opinione pubblica".

All'inizio di marzo, il Ministero del petrolio ha anche implementato il sistema delle carte elettroniche per la distribuzione di bombole di gas, gli stranieri possono ottenere solo una bombola una volta ogni tre mesi.

Correlati:

La Siria è pronta ad una soluzione militare della questione delle alture del Golan
Russia-Israele, incontro tra Putin e Netanyahu: Focus su Siria
Liberato Sergio Zanotti rapito tre anni fa in Siria
Tags:
Energia, mass media, Media, fake news, Siria, prezzi, Petrolio
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik