Widgets Magazine
03:14 20 Settembre 2019
Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov

Lavrov: Russia allarmata dalle informazioni sul possibile uso dell'aviazione in Libia

© Sputnik . Ilya Pitalev
Mondo
URL abbreviato
2162
Seguici su

La Russia si preoccupa che formazioni armate in alcune parti della Libia abbiano annunciato l'uso di aerei da combattimento, è necessario richiamare i libici per interrompere le operazioni militari e per sedersi al tavolo dei negoziati, ha detto il ministro degli Esteri della Federazione russa Serghey Lavrov.

"Ci preoccupa, ad esempio, che formazioni armate in alcune parti della Libia, per così dire, hanno già annunciato che useranno l'aviazione da combattimento contro l'esercito nazionale libico, e quelli che su queste formazioni hanno influenza, naturalmente, sono tenuti a non tollerare una simile escalation, tutti abbiamo bisogno di incoraggiare i libici ad interrompere qualsiasi azione offensiva, azioni militari, per sedersi al tavolo dei negoziati", ha detto Lavrov in una conferenza stampa con il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shukri.

Le autorità della parte orientale del paese operano indipendentemente da Tripoli e collaborano con l’esercito nazionale, che conduce una guerra di lunga durata con i militanti. Le Nazioni Unite propongono nella primavera del 2019 di tenere le elezioni in Libia, i cui risultati devono essere legittimi e riconosciuti dalle autorità.

La visita il ministro russo nella capitale egiziana avviene per l’aggravamento della situazione in Libia, dove giovedì il comandante dell'esercito nazionale libico, il maresciallo Khalifa Haftar, ha ordinato di lanciare un'offensiva su Tripoli per "la liberazione dai terroristi".

Correlati:

Washington Post: Trump ha detto ai migranti che negli Stati Uniti non c'è posto per loro
Lavrov accusa USA di voler mettere una croce sul diritto internazionale
Lavrov: la crisi in Libia è un risultato dell’ingerenza USA
Tags:
ONU, Khalifa Haftar, Escalation, Libia, Egitto, Sergej Lavrov
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik