Widgets Magazine
15:08 16 Luglio 2019
Diego Vida

Intervista a Diego Vida: la propaganda maligna contro l'Iran è diventato sport nazionale

© Foto : Diego Vida
Mondo
URL abbreviato
0 142

Risiedente a Teheran il produttore cinematografico Diego Vida, noto per aver lavorato negli effetti speciali di Mission Impossible e Fast and Furious, ha dichiarato in un'intervista esclusiva a Sputnik Iran, che il problema della propaganda maligna contro l'Iran è diventato sport nazionale, ma che in realtà non rappresenta l'immagine veriteria di questo bellissimo paese.

Vida aggiunge che tale cattiveria mediatica si riversa quotidianamente anche nei confronti degli stessi cittadini iraniani con i loro usi e costumi creando un odio raziale senza nessuna cognizione di causa visto che nella realtà dei fatti la situazione sociale è ben diversa anzi in meglio dato che lo stato iraniano offre ancora uno stile di vita sano e lontano dal decadimento occidentale, basta visitare l'Iran per rendersi conto di persona.

Ragion per cui Diego Vida ha deciso di fermarsi a vivere in Iran nel 2016 quando dei suoi colleghi iraniani che aveva conosciuto qualche anno prima lavorando con una azienda di effetti visivi turco iraniana gli avevano suggerito di fare business in Iran aprendo una società sull'isola di Kish per i benefits offerti dalla free zone con esenzione tasse per 15 anni. Vida ricorda che la prima volta era timoroso di venire in Iran per via delle fake news disinformative rilasciate dalla propaganda internazionale ma nel momento in cui è entrato in Iran ha notato che tutte queste notizie erano una fandonia visto che lo standard di vita era migliore rispetto a molti paesi occidentali.

l'Iran ha un forte senso di rispetto nei confronti dei propri cittadini, con valori familiari, un paese sovrano che offre tanti benefits, dal 20% di interessi che le banche danno ai loro correntisti, alle case non tassate, ed alla possibilità di non pagare la casa in affitto dato che lasciando il deposito al padrone di casa viene investito da lui stesso in banca con il suddetto interesse e alla fine del contratto di locazione dopo 1 o 2 anni egli ritorna il deposito al suo cliente che alla fine non ha pagato l'affitto della casa e il proprietario ci ha guadagnato lo stesso. Inoltre le autostrade sono gratuite e con i marciapiedi ai lati per emergenza, con meccanici ogni 5 km, e taxi che passano continuamente, senza canone televisivo in bolletta, le strade tutte pulite, niente graffiti sui muri ma in alcuni edifici in onore alla memoria dei caduti in guerra per difendere il paese vengono ritratti i soldati iraniani morti in azione anche quelli recentemente in Siria. Il costo della vita è proporzionato alla loro corrente moneta, per esempio il titolo dell'oro è piu alto rispetto a quello Europeo e costa di meno, infatti il prezzo in occidente è di 1000 euro mentre in Iran è di 200 euro davvero conveniente anche per prodotti high-tech con sistema PAL, oppure automobili di marca Iraniana, Indiana, Cinese nuove al costo di 5000 euro o moto a 2000 euro, il pieno di benzina sulle 10 euro. Acqua, gas, elettricità a 6 euro, internet a 10 euro, assicurazione automobile a 100 euro, i negozianti vendono i loro prodotti senza i registratori di cassa, e c'è ricircolo di denaro contante. Infine non ci sono clandestini perchè in Iran si entra con i documenti in regola, quindi non ci sono come in occidente tutti questi immigrati irregolari che delinquono nelle strade Europee.

In Iran non sono le donne oppresse. La donna può richiedere il pagamento di importo in qualsiasi momento e in ogni forma incluso oro e beni immobiliari, la madre alla sua morte può passare alla figlia la stessa pensione di reversibilità che percepiva dal marito defunto cosa che in occidente non si può fare, come anche gli esami del sangue che il governo iraniano richiede alle coppie prima di sposarsi per tutelare la vita dei propri cittadini mentre invece in occidente non è piu fattibile dal lontano 1992. Diego Vida afferma che la cosa più bella per lui in Iran è che gli iraniani hanno ancora i valori della famiglia e nelle strade, si possono vedere coppie sposate uomo e donna con i loro figli, sicchè in Iran non c'è confusione il maschio sta con la femmina e viceversa, mentre la globalizzazione scellerata in Occidente ha portato il degrado e la perdita dei valori con new entry dal mondo Gay.

In Iran il governo tutela prima gli iraniani, infatti si può notare che lo stile di vita e le tradizioni sono privilegiate, dato che la cultura iraniana con il loro senzo di patria è molto forte, benchè si possono trovare delle similitudini tra il popolo iraniano e quello l'italiano per la condivisione della stessa cultura nei valori familiari e persino il tipo di cibo e i colori della bandiera.

Il suo posto favorito è il parco di Abo O Tash ma anche il lago artificiale di Cheetgar e le montagne di Velenjak e Damavand dove ci si può divertire e degustare nei ristoranti i piatti tipici tradizionali.

Vida essendo Cristiano Cattolico a Teheran va in Chiesa ogni settimana e non ha mai avuto problemi con la polizia iraniana visto che c'è la libertà di culto in quanto non ci sono minoranze, ne tanto meno disagio sociale. In Iran non c'è nessuna censura, nei cinema ci sono diversi generi di film, azione, drammatici, avventura, commedia, fantasy e animazione. Per quanto riguarda lo stile di vita in Iran Vida in estate gira per strada con i bermuda, i sandali e maglietta a maniche corte, e nessuno delle forze dell'ordine lo ha mai fermato, anche quando cammina mano nella mano e abbracciato con la sua fidanzata iraniana.

L'unica cosa che non gli piace dell'Iran è l'inquinamento atmosferico nelle metropoli, che potrebbe essere risolto con i veicoli elettrici, inoltre il traffico di veicoli che non si fermano sulle strisce pedonali, migliorabile con le multe per abituare i conducenti a fermarsi, infine la matriarchia per via che alcune famiglie dove le donne sono i capi famiglia che interferiscono nella vita dei loro figli adulti.

Correlati:

Turchia e Iran conducono operazione congiunta contro Partito dei Lavoratori del Kurdistan
Esperto: le sanzioni contro Iran e Venezuela hanno reso gli USA leader del petrolio
Mosca mette in guardia Washington da tentativi di fomentare escalation con l'Iran
Tags:
Propaganda, cinema, Teheran, Iran
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik