Widgets Magazine
19:50 21 Luglio 2019
Bacteria

Scienziati trovano batterio in grado di vivere su Marte

© flickr.com / Oak Ridge National Laboratory
Mondo
URL abbreviato
102

Gli scienziati della Tomsk State University (TSU) sono stati i primi al mondo a scoprire un batterio nelle acque sotterranee di una sorgente termale nella regione di Verkhneketk che è in grado di produrre energia senza luce e ossigeno, e quindi potrebbe teoricamente vivere su Marte, hanno riportato i ricercatori.

"I microbiologi dell’Università di Tomsk sono stati i primi al mondo a isolare il batterio Desulforudis audaxviator ("viaggiatore coraggioso") in profonde acque sotterranee: scienziati da diversi paesi hanno ricercato questo batterio per oltre 10 anni. Il grande interesse in questo batterio sta nel fatto che il microorganismo è in grado di produrre energia in mancanza di luce e ossigeno. Teoricamente questo metodo gli permetterebbe di vivere nello spazio, per esempio su Marte” si legge nella dichiarazione.

Il Capo del Dipartimento di Fisiologia Vegetale e Biotecnologie dell'Istituto biologico TSU, Olga Karnachuk, ha spiegato che le tracce genetiche del l'esistenza di batteri che vivono in profondità, sono state trovate da scienziati americani più di 10 anni fa: hanno trovato il DNA del microrganismo nelle mie acque di miniera d'oro in Sudafrica, a una profondità tra i 1,5 e i 3 chilometri, dove non c'è né luce né ossigeno.

"Non molto tempo fa si credeva che la vita in queste condizioni fosse impossibile, perché non c'è luce e quindi niente fotosintesi, che è alla base di tutte le catene alimentari, ma si è scoperto che questa ipotesi è sbagliata" ha dichiarato Karnachuk.

L'università ha notato che dopo la pubblicazione dell'articolo dei ricercatori americani sulla rivista Science, gli scienziati di diversi paesi hanno iniziato una "caccia" ai batteri. Il suo DNA è stato trovato in campioni di acqua in Finlandia e negli Stati Uniti, ma non si riusciva a "catturare" i batteri stessi. Gli scienziati russi sono riusciti a trovare l'audaxviator di Desulforudis nelle acque sotterranee di una sorgente termale situata nella regione di Verkhneketk nella regione di Tomsk.

TI POTREBBE INTERESSAREIl Pentagono sfrutterà i batteri per riconoscere gli intrusi nelle acque territoriali

Alla ricerca del "viaggiatore coraggioso", gli scienziati sono stati aiutati dall'esperienza acquisita in precedenza nell'isolamento dei complessi batteri che riducono il solfato. Questo è uno dei microrganismi più antichi del pianeta, che si distingue per la capacità di ottenere energia in assenza di ossigeno a causa del consumo di solfati e dell'ossidazione dell'idrogeno o di composti organici semplici. Tra questi batteri vi sono microrganismi che possono vivere e moltiplicarsi a temperature comprese tra +50 e +93 gradi Celsius. Ora gli scienziati stanno ricercando i batteri e hanno già ricevuto nuovi dati a riguardo.

Correlati:

I bagni della ISS sono infestati da batteri spaziali potenzialmente infettivi
Il Pentagono sfrutterà i batteri per riconoscere gli intrusi nelle acque territoriali
La Tesla Roadster potrebbe infettare Marte con batteri terrestri
Tags:
tecnologia, tecnologia, biologia, scienza
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik