16:50 17 Giugno 2019
Social network

I pesci d’aprile più noti dei media

© Foto : Pixabay
Mondo
URL abbreviato
0 12

In alcuni paesi, gli scherzi sui media sono regolati dalla legge.

Il '1 aprile in molti paesi in tutto il mondo celebra il primo di aprile, durante il quale è consuetudine fare scherzi. Attualmente questa tradizione è diffusa quasi ovunque.

Anche i media pubblicano scherzi. Tuttavia, in alcuni paesi tali battute sui media sono regolate dalla legge. Ad esempio, negli Stati Uniti, i lavoratori della stampa sono obbligati ad avvertire i lettori che l’informazione è un Pesce d'aprile.

Di seguito una selezione delle battute e degli scherzi più risonanti, pubblicata il 1 aprile sui media russi e stranieri.

Il quadro di Rembrandt che si scioglieva

Nel 1950, la compagnia di trasmissione olandese VARA intervistò uno degli impiegati del Museo statale di Amsterdam. Il dipendente del museo disse di aver accidentalmente mescolato i principi attivi durante il restauro della famosa tela di Rembrandt, la Ronda di Notte, e che il quadro dopo l’errore aveva cominciato a sciogliersi davanti agli occhi. Questa notizia portò centinaia di cittadini entusiasti. I giornalisti riuscirono persino a prendere commenti da loro prima fosse annunciato il pesce d’aprile.

Il “raccolto” di spaghetti

Nel 1957, il programma televisivo Panorama sul canale britannico della BBC presentò una storia su un "raccolto di spaghetti senza precedenti" coltivato in Svizzera. Il testo dell'annunciatore era accompagnato da filmati che dovevano presumibilmente raccontare del raccolto. Il successo dello scherzo fu facilitato dal fatto che durante questi anni gli spaghetti erano un cibo esotico per gli abitanti della Gran Bretagna e, di regola, venivano venduti sotto forma di cibo in scatola. Dopo la trasmissione, diverse centinaia di spettatori si sono rivolti al canale con domande su dove acquistare piantine di spaghetti. Questo scherzo TV è considerato uno dei più famosi della storia.

La televisione a colori

Nel 1962, la televisione svedese, che a quel tempo aveva un solo canale che trasmetteva in bianco e nero, annunciò l'emergere di una nuova tecnologia in grado di rendere l'immagine a colori. Per fare ciò, era necessario mettere una calza di nylon sullo schermo della TV e guardarla da una certa angolazione. Migliaia di spettatori seguirono il consiglio del canale. La vera televisione a colori è apparsa in Svezia solo nel 1 aprile 1970.

La misurazione del  tempo col sistema metrico

Nel 1975, le principali trasmissioni di notizie australiane riportarono il passaggio a un sistema di misurazione del tempo decimale o "metrico". Il minuto andava diviso in 100 secondi, l'ora in 100 minuti e il giorno includeva 20 ore. Inoltre, secondo il nuovo sistema, il secondo doveva essere chiamato "millidi", minuti "centidi" e ore "decidi". Agli spettatori fu dimostrato un campione delle ore "decimali". Desmond Corcoran, il vice capo del governo dell'Australia del Sud, prese parte allo scherzo parlò in sostegno della transizione al tempo decimale in una breve intervista televisiva. In numerose chiamate allo studio televisivo, il pubblico chiese come spostare l'orologio alla nuova ora.

Il  trasferimento della Torre Eiffel

Nel 1986, il quotidiano francese Le Parisien informò i lettori sulla decisione del governo di smantellare la Torre Eiffel. Secondo l'articolo, il famoso edificio era stato progettato per essere trasferito al parco di divertimenti di Disneyland, che era stato costruito vicino alla capitale in quegli anni, e sul sito della torre sarebbe stato costruito uno stadio con 35.000 posti per i Giochi Olimpici del 1992. Le notizie provocarono forte indignazione dei parigini.

Maradona e lo Spartak

Nel 1988, il quotidiano Izvestia pubblicò un articolo in cui si affermava che il famoso calciatore argentino Diego Maradona stava negoziando la firma di un contratto con la direzione del club di Mosca Spartak. Il giornale riferì che lo "Spartak" era pronto ad acquistare Maradona per 6 milioni di dollari, poi però fu pubblicata una confutazione, ma la notizia fece in tempo a diffondersi tanto che l'Associated Press riportò il possibile trasferimento di una squadra argentina in una squadra di calcio sovietica.

La separazione del Belgio

Nel 1992, il quotidiano britannico The Times avvisava i lettori della prossima divisione del Belgio. Secondo l'articolo, alcuni "negoziati segreti" avevano portato all'imminente adesione della parte settentrionale del paese ai Paesi Bassi e della parte meridionale alla Francia. L'autore della pubblicazione parlò dell'impatto che la scomparsa di uno degli stati europei avrebbe potuto avere sulle Comunità europee (ora l'Unione europea). Molti lettori chiesero la conferma all'Ambasciata del Belgio. Lo scherzo provocò una tale ondata d'indignazione che il ministro degli esteri britannico Tristan Garel-Jones dovette fornire spiegazioni.

Informazioni sul nuovo termine di Nixon

Nel 1992, la stazione radiofonica americana NPR riferì che l'ex presidente del paese Richard Nixon (1969-1974), che si era ritirato a seguito dello scandalo Watergate, intendeva candidarsi nuovamente come presidente alle prossime elezioni di novembre. Un frammento del discorso di Nixon agli elettori fu fatto ascoltare alla stazione radio (il comico Rich Little interpretò il ruolo dell’ex presidente). Lo slogan del discorso era: "Non ho fatto niente di male e mai lo farò più". Poi sono furono fatti commenti da analisti politici e rappresentanti del quartier generale delle elezioni dell'attuale presidente degli Stati Uniti George W. Bush (senior). Solo nella seconda metà del programma il presentatore rivelò il pesce d’aprile.

Correlati:

I giornalisti di Associated Press abboccano al pesce d'aprile dei diplomatici russi
La CNN non apprezza il pesce d'aprile del ministero degli Esteri russo
Imminente incontro tra Putin, Assad ed Erdogan: il pesce d'aprile della tv turca
Tags:
scherzo, Media, media, Media
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik