13:58 26 Maggio 2019
Missile launch from an Osa antiaircraft missile system (File)

Sistemi antiaerei russi diventano invisibili per il nemico

© Sputnik . Ivan Rudnev
Mondo
URL abbreviato
4530

I sistemi di difesa aerea russi diventeranno invisibili al nemico a causa radar passivo (senza emissioni radio, rilevabili da un sistema radar nemico), ha detto Valery Makeyev, amministratore delegato dell'impresa-sviluppatore di questo sistema a Todelmash di Nudelman.

"Negli ultimi tre anni abbiamo svolto attività di sviluppo sulla creazione di una stazione elettronica di panoramica ottica circolare, il lavoro è quasi finito, i test di stato sono stati completati con un risultato positivo. Spero che a marzo venga presa una decisione sull'adozione di questo complesso per la fornitura, ci sono già tutte le basi", ha detto.

Makeev ha notato che una delle caratteristiche principali di questo complesso è la sua passività, non ha emissioni radio, attraverso le quali il nemico può rilevarlo e distruggere il complesso di difesa aerea su cui è installato.

"Il fatto è che in tutti i conflitti moderni, la prima cosa da fare è distruggere i sistemi di difesa aerea nemica rilevati dalle emissioni radio, in modo che i mezzi di attacco aereo svolgano tranquillamente il loro lavoro. Con una tale stazione, tutto sarà completamente diverso" ha spiegato l'interlocutore dell'agenzia.

Makeev ha sottolineato che con l'integrazione del sistema di rilevamento circolare, l'esercito russo riceverà un sistema missilistico antiaereo unico e completamente passivo, che ha la massima sopravvivenza possibile sul campo di battaglia.

Il capo della KB Tochmash ha aggiunto che questa stazione può essere installata sia su terra esistente e sistemi di difesa aerea della nave, sia su veicoli blindati o posizionata indipendentemente su oggetti custoditi.

Correlati:

Ad Ankara le prime unità di contraerea russe comprate dalla Turchia S-400
Il nuovo sistema antiaereo Sosna supera test con successo
Tags:
Difesa aerospaziale, difesa aerea, tecnologia, tecnologia, Tecnologia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik