Widgets Magazine
07:02 23 Luglio 2019
La galassia a spirale RX J1140.1 + 0307

Scienziati trovano seconda galassia priva di materia oscura

© Foto: ESA/Hubble & NASA
Mondo
URL abbreviato
0 43

Gli astronomi hanno scoperto una seconda galassia nella costellazione della Chioma di Berenice, in cui la materia oscura è completamente assente o esiste in quantità "invisibili" per noi. La sua scoperta ha reso ancora più misteriosa l'esistenza di tali oggetti, scrivono i ricercatori nella rivista Astrophysical Journal Letters.

"La scoperta del secondo oggetto di questo tipo non è stata per noi meno interessante della scoperta della galassia DF2, il che significa che non ci siamo sbagliati e che la probabilità della loro scoperta è molto più alta di quanto pensavamo prima, poiché non abbiamo idea di come siano sorti, spero che la scoperta di DF4 attirerà l'attenzione dei teorici ", - ha affermato Pieter van Dokkum della Yale University (USA).

Per molto tempo, gli scienziati hanno creduto che l'Universo consistesse della materia che vediamo e che forma la base di tutte le stelle, i buchi neri, le nebulose, gli accumuli di polvere e i pianeti.

Le prime osservazioni della velocità delle stelle nelle galassie vicine a noi, realizzate negli anni '70 del secolo scorso, hanno mostrato che le stelle nei loro dintorni si muovono verso di loro con una velocità incredibilmente elevata, dieci volte più alta di quanto mostrato dai calcoli basati sulle masse di tutte le stelle in essi.

La ragione di ciò, come credono oggi gli scienziati, è la cosiddetta materia oscura, una sostanza misteriosa, che rappresenta circa il 75% della massa di materia nell'Universo. Di norma, in ogni galassia c’è circa 8-10 volte più materia oscura rispetto alla sua "cugina" visibile, e questa materia oscura tiene le stelle in posizione e non consente loro di "sparpagliare".

Correlati:

Gli scienziati hanno lanciato nello spazio uno sciame di 100 satelliti in miniatura
Che ne dite di fare una passeggiata nello spazio aperto?
Fisici russi trovano indizi sull’esistenza dei tunnel spazio-tempo
Tags:
Ricerca, Spazio, Spazio
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik