Widgets Magazine
22:34 20 Agosto 2019

Bulgaria: “mezzo miliardo di euro per l’integrazione dei rom ha dato 0 risultati”

© AP Photo / Felipe Dana
Mondo
URL abbreviato
3130

Il vice premier e ministro della Difesa della Bulgaria Krasimira Karakachanov ha dichiarato che è stato speso un miliardo di Lev (circa mezzo miliardo di euro) per l’integrazione dei rom nella società del paese, senza dare alcun risultato. Lo comunica la testata CEGA.

“La Bulgaria ha diversi documenti che determinano come deve essere condotta la politica del governo. Si tratta della Strategia nazionale della Repubblica di Bulgaria per l’integrazione dei rom nel periodo 2012-2020 e il piano Nazionale di azione per la sua realizzazione nel periodo 2015-2020. Se vengono letti attentamente si nota che il loro scopo non è tanto d'integrare la popolazione rom in gran parte della popolazione del paese e d'inculcare in loro competenze nel campo dell'istruzione, delle capacità lavorative e così via, ma soprattutto di rendere la società bulgara tollerante nei confronti di ciò che effettivamente fanno i nostri concittadini di origine rom", ha annunciato Karakachanov.

Secondo il politico l’obiettivo del programma per l’integrazione è stato solo uno spreco di soldi.

“I risultati del programma sono davanti ai nostri occhi e mostrano che in realtà non è stato fatto nulla” ha detto il vicepremier.

“Attualmente, sono stati spesi circa un miliardo di Lev (circa mezzo miliardo di euro), mentre il risultato è zero” ha concluso lui.

Secondo i dati dell'Istituto nazionale di statistica della Bulgaria, nel 2011 sono state dichiarate 6.611.513 persone che hanno aderito al censimento etnico, di cui 320.761 si sono identificati come Rom. Secondo i dati del 31 dicembre 2017, la popolazione del paese era di 7.050.034 persone.

Correlati:

Ucraina, regione di Odessa: abitanti di un paese in rivolta chiedono sgombero zingari
"Zingaro" non si può scrivere, Facebook sospende Salvini
Tags:
Il Ministro della Difesa, Ministro della Difesa, Bulgaria, Krasimir Karakachanov
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik