Widgets Magazine
08:04 18 Ottobre 2019
Tunisian soldiers pose during a presentation of the anti-jihadi fence, in near Ben Guerdane, eastern Tunisia.

Ministro danese dice che per i jihadisti è meglio morire in Siria che tornare in Danimarca

© AP Photo / Benjamin Wiacek
Mondo
URL abbreviato
160
Seguici su

Il ministro danese della giustizia, Søren Pape Poulsen, ha detto mercoledì che preferirebbe che i jihadisti provenienti dal suo paese muoiano combattendo in Siria piuttosto che tornare a casa, attirando le critiche dell'opposizione.

Con il crollo dell'ultimo baluardo dello Stato Islamico in Siria durante il fine settimana, diversi governi sono stati alle prese con il problema di cosa fare con i combattenti jihadisti provenienti dai loro paesi.

La politica ufficiale della Danimarca di riprendere i combattenti stranieri ha generato un dibattito pubblico.

"È meglio che siano qui incarcerati piuttosto liberi in giro", ha detto Poulsen a una commissione parlamentare mercoledì.

Ma, ha aggiunto, sarebbe stato preferibile "se fossero morti in combattimento laggiù".

L'opposizione socialdemocratica ha criticato le osservazioni del ministro.

"Queste non sono parole che avrei usato", ha detto Trine Bramsen, portavoce del partito.

Poulsen, che è anche il leader del partito conservatore, ha spiegato che c'erano circa 40 jihadisti con legami con la Danimarca in quello che era il territorio dello Stato Islamico in Siria, 10 dei quali sono stati catturati.

Dal 2016, la legge danese ritiene un reato aver combattuto in zone di conflitto per un gruppo terroristico.

Correlati:

Rabbia di Siria e Paesi musulmani per il riconoscimento americano del Golan ad Israele
Danimarca, espulsi due dipendenti di Huawei per permessi di lavoro irregolari
Danimarca: al via una nuova corsa all’Artide
Tags:
Stato Islamico, Stato Islamico, Stato islamico, jihadisti, jihadista, jihad, jihad, jihad, Danimarca
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik