Widgets Magazine
00:17 23 Settembre 2019
Marte

La vita su Marte è possibile

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
333
Seguici su

Il rover Curiosity ha trovato all'interno del cratere Gale i composti di azoto, necessari per la sopravvivenza degli organismi viventi. Lo riporta oggi il Journal of Geophysical Research: Planets.

Gli specialisti della NASA hanno ricreato in laboratorio l'atmosfera originaria di Marte, che conteneva una miscela di idrogeno, azoto e anidride carbonica. Quindi, con l'aiuto di un raggio laser, gli scienziati hanno imitato le onde d'urto che si sarebbero potute formare quando gli asteroidi colpiscono la superficie del pianeta. Come risultato di questa reazione, si sono formati i nitrati che sono necessari per la vita.

In precedenza si pensava che la presenza di idrogeno impedisse la formazione di acido nitrico e promuovesse l'insorgere di altri composti, come l'acido cianidrico. Di conseguenza, l'aumento della concentrazione di idrogeno nell'atmosfera accelerava la formazione di molecole di acido nitrico e nitroso.

Secondo i calcoli degli scienziati, la quantità di idrogeno presente nell'atmosfera iniziale di Marte sarebbe stata sufficiente a coprire l'intero pianeta con uno strato di sali di 20-60 cm. Allo stesso tempo, non è pienamente stato stabilito se ci fosse idrogeno, ma l'esperimento ha dimostrato che la sua presenza non è necessaria per arricchire il suolo di composti azotati.

Correlati:

Marte, la sonda InSight installa strumenti di ricerca sulla superficie del pianeta
NASA: il nuovo rivoluzionario progetto Starship per l’esplorazione di Marte
Scienziati russi scoprono grandi riserve d'acqua su Marte
Tags:
Ricerca scientifica, NASA, Marte, vita
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik