Widgets Magazine
11:23 20 Luglio 2019
Heiko Maas, il nuovo ministro Esteri della Germania

Ministro degli Esteri della Germania definisce giusto il bombardamento in Jugoslavia

© REUTERS / Stefanie Loos
Mondo
URL abbreviato
10123

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha dichiarato che il bombardamento NATO della Jugoslavia da parte dei paesi della NATO nel 1999 sia stato " giusto ". Il ministro ha espresso il suo punto di vista in un'intervista al quotidiano "Stuttgarter Nachrichten", il materiale era a disposizione del quotidiano "Die Welt".

"Continuo a credere che la partecipazione tedesca (nell'operazione) sia stata causata da un approccio responsabile", ha detto Maas.

Allo stesso tempo, a suo parere, l'intervento militare è sempre l'ultima risorsa.

"Poi abbiamo visto che ci sono state massicce violazioni dei diritti umani, fino a omicidi di massa inclusi. Penso che l'intervento della NATO sia stato giusto. Non voglio sapere cos'altro sarebbe successo se questo non ci fosse stato”, ha detto il ministro.

Nel 1999, lo scontro armato tra i separatisti albanesi dall'esercito di liberazione del Kosovo, l'esercito serbo e la polizia ha portato al bombardamento della Repubblica federale di Jugoslavia (all'epoca composta da Serbia e Montenegro) dalle forze della NATO, scavalcando la posizione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Gli attacchi aerei della NATO sono continuati dal 24 marzo al 10 giugno 1999. Il numero esatto delle vittime è sconosciuto. Secondo le stime delle autorità serbe, circa 2500 persone, tra cui 89 bambini, sono morti durante gli attacchi. 12.500 mila persone sono rimaste ferite. Il danno materiale, secondo varie fonti, è stimato tra 30 e 100 miliardi di dollari.

Correlati:

NATO contro Jugoslavia: la storia del conflitto
Zakharova: l'Occidente risponda per il bombardamento della Jugoslavia
Perché la NATO non ha condotto un’operazione terrestre contro la Jugoslavia?
Tags:
Bombardamento aereo, bombardamenti, Bombardamento, Bombardamento, Bombardamenti, Bombardamento, guerra in kosovo, Heiko Maas, NATO
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik