19:54 22 Aprile 2019
La Duma Statale della Federazione Russa

Duma di Stato specifica somma del debito del Venezuela nei confronti della Russia

© Sputnik . Sergey Kuznecov
Mondo
URL abbreviato
La crisi politica in Venezuela (324)
0 70

L'importo di $17 miliardi che la Russia avrebbe investito e prestato al Venezuela, il quale sarebbe a rischio in caso di cambio di potere nel paese latinoamericano, è esagerato: infatti, la parte non pagata del prestito ammonta a soli 4 miliardi, ha detto il primo vice presidente della Duma di Stato per la costruzione statale e la legislazione Mikhail Emelyanov.

"La somma che viene citata è di 17 miliardi ... Ma questa è una cifra artificiale: questo è l'importo totale, sia degli investimenti accumulati della Federazione Russa che i prestiti emessi... E alcuni dei prestiti sono già stati restituiti da molto tempo. Compresi quelli militari. Quegli investimenti fatti nell'industria petrolifera sono molto difficili da confiscare, sono fatti in accordo con tutti i principi del diritto internazionali", ha detto Emelyanov ai giornalisti.

Secondo il deputato, gli investimenti russi nell'industria petrolifera venezuelana sono sicuri. "Se arriva un nuovo governo, non è affatto certo che porteranno via tutto così facilmente con il semplice tocco di un dito", ha osservato.

Emelyanov ha ricordato che i leader dell'opposizione hanno già dichiarato che la cooperazione militare con la Federazione Russa e la Cina sarà interrotta, e che la cooperazione economica continuerà e tutti i trattati rimarranno in vigore.

"Se parliamo della parte non pagata del prestito, stimiamo che siano 4 miliardi", ha concluso.

Tema:
La crisi politica in Venezuela (324)

Correlati:

Venezuela, Roberto Marrero arrestato con l'accusa di terrorismo
Citigroup pianifica di vendere l'oro del Venezuela per recuperare prestito non rimborsato
La Russia mette in guardia gli USA dall'intervento militare in Venezuela
Tags:
Situazione in Venezuela, Venezuela, Prestiti, Prestiti, Prestito, prestito, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik