09:37 19 Giugno 2019
Sismografo registra un terremoto

Scienziati francesi prevedono eruzione sottomarina catastrofica

© Fotolia / Petrovich12
Mondo
URL abbreviato
0 14

La possibile causa delle misteriose onde sismiche, registrate nel novembre 2018 vicino all'isola di Mayotte (Comore), sarebbe legata all'attività vulcanica, e potrebbe presagire la più grande eruzione sottomarina della storia. Lo riporta oggi Science Alert.

Un team di ricercatori francesi ha analizzato i dati sismografici ottenuti durante i sei mesi precedenti il fenomeno. Secondo le loro conclusioni, grandi volumi di magma si muovono sotto il fondo del mare a una profondità di 28.000 metri sotto la superficie. Le rocce calde che contengono gas non raggiungono la superficie, ma fluiscono nei sedimenti circostanti. Questo spiega perché nulla è stato visto dall'esterno.

Se di dovesse verificare un'eruzione, sarà una delle più grandi nella storia. Le scoperte degli scienziati corrispondono anche ai processi geologici osservati a Mayotte. L'isola si abbassa di 9 millimetri al mese e si sposta verso est di 16 millimetri al mese.

Tuttavia, alcuni fenomeni associati alle scosse di assestamento, non hanno ancora ricevuto una spiegazione. In particolare, l'emergere di impulsi ad alta frequenza che accompagnano l'attività sismica principale, la comparsa di pesci morti e il fatto che il fenomeno si sia verificato nella parte orientale dell'arcipelago, e non a ovest, dove si trovano le isole di origine vulcanica. Inoltre, non è ancora noto cosa potrebbe aver causato esattamente lo spostamento del magma.

Correlati:

In Ecuador c'è stato un terremoto di magnitudo 7,7
Sull'isola giapponese di Hokkaido si è verificato un terremoto di magnitudo 6,2
La tragedia del Giappone: il terremoto e tsunami dell'11 marzo 2011
Tags:
Vulcano, Terremoto, Ricerca scientifica
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik