12:31 18 Aprile 2019
Satellite russo

USA cercano di presentarsi vittime dell'aggressività russa nello spazio

CC BY-SA 4.0 / José Furtado
Mondo
URL abbreviato
4183

Gli Stati Uniti accusano la Russia di creare armi contro i satelliti e spaziali per assolversi dalle responsabilità e presentare i loro sviluppi in questo settore come risposta alle azioni della Russia, ha dichiarato a Sputnik l'esperto militare russo e direttore del Centro per l'analisi del commercio mondiale di armi Igor Korotchenko.

In precedenza il vice segretario di Stato americano per il controllo degli armamenti Yleem Poblete ha affermato che la Russia non può essere considerata attendibile quando si discute di scongiurare la corsa agli armamenti nello spazio, in quanto Mosca sviluppa armi che opereranno nello spazio.

"Ogni accusa contro la Russia da parte di funzionari statunitensi oggi è politicizzata e progettata per distogliere l'attenzione dai piani di Washington. E' ovvio che nei prossimi anni gli Stati Uniti inizieranno una corsa agli armamenti nello spazio e prepareranno armi e le infrastrutture adeguate", ha detto Korotchenko.

Secondo l'esperto, gli Stati Uniti hanno agito allo stesso modo prima di annunciare il loro ritiro dal trattato sull'eliminazione dei missili a medio e corto raggio in Europa.

"Pura propaganda, non confermata da nulla se non dalla volontà di colpevolizzare qualcun altro", ha aggiunto l'esperto.

Ha ricordato che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva già firmato il decreto sulla creazione delle forze spaziali statunitensi, che prevedeva il dispiegamento di armi d'attacco nello spazio.

"Le accuse contro la Russia perseguono un obiettivo: liberarsi delle accuse e scaricarle sulla Russia spacciandosi come vittime dei cattivi russi", ha osservato Korotchenko.

Correlati:

Nebenzya: l’Europa "ingoia" le versioni americane sulla violazione dell’INF
Il Pentagono prevede di testare missili non nucleari vietati dall’INF
Tags:
Igor Korotchenko, Geopolitica, Difesa, Sicurezza, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik