Widgets Magazine
14:19 19 Agosto 2019

USA, il dipartimento dei trasporti controlla la certificazione Boeing 737 MAX

© AFP 2019 / Michael Tewelde
Mondo
URL abbreviato
114

Il dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti sta conducendo delle verifiche per determinare se la Federal Aviation Administration (FAA) ha violato gli standard di sicurezza quando ha rilasciato l'autorizzazione per il volo ai Boeing 737 MAX. Lo riporta oggi il Wall Street Journal.

Secondo la pubblicazione, che cita fonti ministeriali, queste verifiche riguardano principalmente i sistemi utilizzati per determinare automaticamente la posizione del muso dell'aeromobile rispetto alla linea dell'orizzonte, nonché la correzione di questa posizione. Malfunzionamenti nel suo lavoro potrebbero essere una delle ragioni dei disastri aerei in Etiopia e in Indonesia.

I supervisori hanno già richiesto alla FAA di salvare tutti i file e i documenti informatici relativi alla certificazione del Boeing 737 MAX. Il dipartimento, in particolare, vuole assicurarsi che tutte le caratteristiche tecniche del rivestimento, in particolare del sistema specificato, siano state correttamente analizzate dagli esperti. Questo lavoro è stato precedentemente eseguito, in particolare, dal dipartimento della FAA di Seattle.

Il ministro dei trasporti etiopico Dagmavit Moges, domenica scorsa, ha dichiaratoche le informazioni ottenute dai registratori di volo del Boeing 737 MAX della Ethiopian Airlines, schiantatosi in Etiopia lo scorso 10 marzo uccidento tutte le 157 persone a bordo, dimostrano che questo disastro è simile a quello avvenuto in Indonesia, quando il 29 ottobre 2018, un Boeing 737 MAX della Lion Air è precipitato nel Mar di Giava 13 minuti dopo il decollo. Nel disastro morirono 189 persone.

Correlati:

I voli di tutti i Boeing 737 Max sono stati interrotti
Russia: atterraggio emergenza Boeing per problema al motore, indagini in corso
Media: Piloti imparano a pilotare Boeing 737 Max sull’iPad
Tags:
Indonesia, Etiopia, Disastro aereo, Boeing, Indagine, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik