Widgets Magazine
06:46 16 Settembre 2019
Il Pentagono, il quartier generale del Dipartimento della difesa statunitense.

Gli Stati Uniti vogliono acquistare 10mila missili per contrastare la Russia 

CC BY-SA 2.0 / La Citta Vita / Pentagon, aerial
Mondo
URL abbreviato
5017
Seguici su

Il dipartimento della Difesa degli Stati Uniti intende acquistare più di diecimila missili guidati per usarli in futuro contro la Russia e la Cina, scrive il portale Task and Purpose.

Si osserva che il Pentagono ha proposto di includere nel progetto di bilancio finanziario per il 2020 le spese per 10 193 missili terra — terra con sistemi reattivi di fuoco. Si sottolinea che è del 26 per cento in più rispetto al 2019, quando il dipartimento della difesa USA ha richiesto 8 101 razzi, e il 47 per cento in più rispetto al 2018, quando furono richiesti 6 936 missili.

Il giornale dice che l'acquisto di queste armi per "neutralizzare o sopprimere l’artiglieria campale e i sistemi della difesa aerea nemica" è pari a un importo di circa 1,4 miliardi di dollari.

Secondo la versione del portale, un forte aumento della spesa per l’arsenale missilistico è associato al "nuovo orientamento" del Pentagono verso i sistemi reattivi di fuoco per affrontare le "grandi potenze" come Russia e Cina, dopo “la relativa sconfitta" dell’ISIS in Iraq e in Siria.

In un rapporto pubblicato all'inizio di marzo per la revisione del bilancio della difesa per il prossimo anno fiscale, il Pentagono ha detto che la priorità nella modernizzazione dell'Esercito USA sarà volta a "migliorare il tiro a lunga distanza e le azioni dell’artiglieria campale, lo sviluppo delle capacità di reazione dell'artiglieria per stabilire la supremazia su tutte le sfere".

Correlati:

Pentagono: la modernizzazione delle armi nucleari è la priorità numero uno
Pentagono: Accordo con Polonia su base militare americana entro 1 anno
Il Pentagono prevede di testare missili non nucleari vietati dall’INF
Tags:
Bilancio, Pentagono, Guerra, Strategia, Cina, USA, Missili
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik