Widgets Magazine
08:22 21 Luglio 2019
syber sicurezza

USA sospettano Cina di spionaggio attraverso cavi di comunicazione sottomarini

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
5210

Gli esperti di sicurezza degli Stati Uniti hanno espresso preoccupazione per la partecipazione della società di telecomunicazioni cinese Huawei nella posa di cavi di comunicazione sottomarini. Lo comunica il giornale del 13 marzo The Wall Street Journal.

L'azienda cinese negli ultimi anni ha rafforzato significativamente la sua posizione nella creazione del sistema di cavi sottomarini. In particolare, nel settembre 2018, Huawei ha completato la costruzione di un cavo lungo quasi 6 mila chilometri che collega Camerun e Africa. Attualmente è impegnata nella posa di un cavo lungo 12.000 km, che collegherà l'Asia, l'Africa e l'Europa. In totale, la società ha creato circa 90 connessioni, che comprendono circa 380 cavi sottomarini.

Gli esperti di sicurezza degli Stati Uniti ritengono che con l'aiuto di Huawei, il governo cinese sarà in grado di interrompere, sospendere, reindirizzare o monitorare il traffico Internet utilizzando stazioni di terra per cavi sottomarini, nonché attraverso l'hardware e il software che Huawei fornisce per queste stazioni. Quindi, Washington è preoccupata che Pechino sia in grado di interrompere la connessione a Internet o spiare il traffico.

"Un nuovo fronte di guerra si è aperto tra gli Stati Uniti e la Cina per il controllo delle reti globali che forniscono Internet", osserva il giornale.

I rappresentanti di Huawei sostengono che la società è privata e non è mai stata coinvolta in alcuna attività nell'interesse dello stato o di altri privati ​​che potrebbero danneggiare i propri clienti o aziende.

Pechino definisce politicamente di parte la campagna statunitense lanciata contro Huawei. Secondo le autorità cinesi, Washington non ha fornito alcuna prova che l'organizzazione delle telecomunicazioni sia coinvolta nello spionaggio. Gli Stati Uniti, a sostegno della loro posizione, indicano il numero di attacchi informatici provenienti dalla Repubblica popolare cinese, nonché la legislazione cinese, che obbliga le società a cooperare con i servizi segreti, se necessario.

Huawei rischia sanzioni economiche a livello globale dopo che le autorità statunitensi hanno accusato la compagnia di spionaggio industriale, frode finanziaria, violazione delle sanzioni contro l'Iran e una serie di altri crimini, in tutto 13 punti. Le accuse, in particolare, sono state intentate contro la figlia del fondatore della corporazione, Meng Wanzhou, che è stata arrestata in Canada all'inizio del dicembre 2018 su richiesta di Washington. Quasi due settimane dopo, la corte ha rilasciato la cittadina cinese su cauzione a causa di un deterioramento della sua salute, che le ha permesso di vivere a casa del marito a Vancouver.

Correlati:

La Cina protesta contro il Canada per l'estradizione della direttrice di Huawei
In Cina arrestate dalla polizia 36 persone sospettate di truffa su internet
“Internet sovrano”: cosa fare se escluderanno la Russia dal Web
Tags:
cyber-spionaggio, Spionaggio, Spionaggio, Spionaggio, sito internet, Internet, internet, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik