Widgets Magazine
03:11 20 Settembre 2019
La sede del Parlamento europeo a Bruxelles

La risoluzione del Parlamento europeo non avrà alcun impatto "pratico" sul Nord Stream 2

© AP Photo / Francisco Seco
Mondo
URL abbreviato
61
Seguici su

Queste risoluzioni, che sono molto critiche nei confronti della Russia, esistono già da diversi anni. Parla a Sputnik l’esperto tedesco di energia Christian Wipperführth.

Secondo lui questi documenti del Parlamento europeo, spesso sono puramente dichiarativi e già esistono da molti anni. Cioè, suonano molto più radicali dell’effettiva politica condotta dagli Stati.

“Le possibilità di azione del Parlamento europeo sono abbastanza limitate e questa limitazione, i deputati cercano di compensarla utilizzando in particolare parole dure. Non dobbiamo preoccuparci troppo di questo. Dal Parlamento europeo quasi tradizionalmente arrivano parole molto dure".

Ora inoltre c'è la campagna elettorale, e questo "rafforza ancora di più la tendenza dei parlamentari ad esprimersi in maniera forte”. Lui pensa che la risoluzione non avrà conseguenze. Per quanto riguarda il Nord Stream 2, i paesi dell'UE un paio di settimane fa hanno concordato che ci saranno sviluppi.

“I sostenitori del compromesso saranno costantemente costretti a combattere contro il vento contrario’, che ancora una volta è chiaro dalla risoluzione del Parlamento europeo. Ma non mi aspetto azioni eventuali, perché il governo federale e molte aziende hanno già fatto capire che questo tubo gli sarà utile, e alternativa non c’è".

L'esperto ha anche osservato che gli americani non possono portare abbastanza gas in Europa perché è troppo costoso. Inoltre, gli Stati Uniti hanno importato volumi record di petrolio russo negli ultimi mesi, e la causa sono le temperature molto basse in Nord America.

Correlati:

Il Parlamento europeo inizia nuovamente a parlare di rottura con la Russia
Un Parlamento Europeo rivoluzionato, ma come?
Presidente del Parlamento europeo: possibilità Brexit all'inizio di luglio
Tags:
temperature, esperto, risoluzione, gasdotto, fornitura, Europarlamento, USA