Widgets Magazine
19:27 19 Settembre 2019
Hungary's Prime Minister Viktor Orban (L) is greeted by European Union Commission President Jean-Claude Juncker of Luxembourg prior to their meeting at the European Union Commission headquarter in Brussels on September 3, 2015

Il governo ungherese non fa passi indietro sulla politica antimigratoria

© AFP 2019 / THIERRY CHARLIER
Mondo
URL abbreviato
70
Seguici su

Il rappresentante del governo Ungherese Zoltan Kovacs ha ribadito che il paese non cambierà la sua politica contro i migranti nonostante le richieste di Bruxelles.

In precedenza, il candidato alla carica di presidente della Commissione europea, leader UE del partito popolare Europeo, Manfred Weber ha detto che il primo ministro ungherese Viktor Orban deve cessare immediatamente “la rivolta contro Bruxelles del suo governo”. 

"Ascoltiamo le opinioni, incluso il parere di Weber. Ma proteggere i valori cristiani, europei e porre fine alla migrazione è più importante della disciplina di partito. Su questo non possiamo andare indietro", ha scritto Kovacs sulla sua pagina Twitter.

In risposta alle osservazioni di Weber, che vuole che l’università europea di George Soros rimanga a Budapest, Kovacs ha sottolineato che “le leggi e le regole d’Ungheria in egual misura si applicano ad ogni istituto in Ungheria”.

“L’educazione è di competenza del governo nazionale, quindi la critica sul tema non è valida” ha detto Kovac.

Correlati:

Migranti, Conte: L'Italia è stata lasciata sola
Contrabbandieri di migranti della Manica incarcerati dalla corte francese
Messico: 74 migranti sono stati liberati dai criminali
Tags:
critiche, Migranti, Bruxelles, Europa, Ungheria