09:28 21 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
6211
Seguici su

Gli Stati Uniti hanno mostrato delle immagini satellitari per dimostrare che la Russia sta violando il trattato sull'eliminazione dei missili a corto e medio raggio (INF). Lo ha riferito oggi a Sputnik una fonte a conoscenza dei fatti.

La fonte ha spiegato che i fotogrammi mostrano un oggetto terrestre, simile ad un lanciatore stazionario, ma non il razzo. A Washington hanno pure annunciato le date di due test, il nome del sito di lancio e le coordinate dei lanciatori. Non sono stati tuttavia specificati l'ora e il punto di atterraggio dei missili.

"La data di per sé non dice nulla e non è una conferma. Gli unici indicatori utili potrebbero essere la telemetria o altri dati oggettivi con l'orario di lancio e il punto di decollo, ma nessuno ci ha mai fornito tali informazioni", ha detto la fonte.

La Russia avrebbe richiesto questi dati, continua la fonte, ma gli Stati Uniti si sono rifiutati di farlo, asserendo che "queste sono fonti di intelligence molto sensibili e che non possono condividere".

Inoltre, gli Stati Uniti non hanno mai inviato uno specialista di missili alla riunione della commissione congiunta, mentre la Russia ha sempre messo a disposizione esperti pronti a discutere i parametri tecnici.

In precedenza, il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un decreto sulla sospensione del trattato INF fino a quando gli Stati Uniti non smetteranno di violarne i termini. All'inizio di febbraio, Washington ha notificato a Mosca l'inizio della procedura di ritiro dal trattato, a causa del nuovo missile russo 9M729 che gli USA ritengono essere contrario alle condizioni dell'accordo. La Russia ha sempre sostenuto il contrario.    

Correlati:

USA indicano la condizione per i negoziati con la Russia sul Trattato INF
NATO: strutture di difesa missilistica in Romania conformi a Trattato INF
Ministero Difesa definisce false accuse di violazione del trattato INF da parte russa
Tags:
violazioni, Trattato Inf, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook