Widgets Magazine
02:39 20 Agosto 2019
A police officer looks on as a crowd enters the Delimart supermarket complex, which had been burned during two days of protests against a planned hike in fuel prices in Port-au-Prince, Haiti, Sunday, July 8, 2018.

La crisi politica ad Haiti e l’influenza americana

© AP Photo/ Dieu Nalio Chery
Mondo
URL abbreviato
213

L'ambasciata degli Stati Uniti continua a sostenere il presidente haitiano Jovenel Moise nonostante i movimenti di protesta senza precedenti e accuse di corruzione. Secondo uno dei leader dell'opposizione, ex candidato alle elezioni presidenziali, Clarence Benoit, questo sostegno non è sufficiente a rassicurare i manifestanti.

"Le strade saranno più forti degli Stati Uniti". Egli osserva nella dichiarazione a Sputnik che, in caso di continue proteste, l'unica opzione per contribuire a mantenere il potere sarà un intervento diretto. Franz Voltaire, direttore dell'International Haitian, Caribbean and Afro-Canadian Information and Documentation Center, ricorda che Moise è stato eletto con il sostegno americano, mentre gli osservatori sospettavano gli Stati Uniti di manipolazioni.

"Il Fondo Petrocaribe ha iniziato le indagini. Il Venezuela ha stanziato diversi miliardi di dollari in conformità con il programma di assistenza ad Haiti. Questi fondi, purtroppo, sono stati spesi per altri scopi. Le aziende hanno stipulato contratti di grandi dimensioni, ma i progetti non sono stati implementati.

Secondo una relazione della Corte dei conti superiore di Haiti (Cour supérieure des comptes d'Haïti), Jovenel Moise, proprietario di diverse società, ha approfittato di questi contratti. […] Il nome del presidente compare nella lista dei sospettati in questo scandalo di corruzione ".

Tuttavia, nonostante l'impopolarità del presidente Moise, l'ambasciatrice americana ad Haiti, Michelle Sison, ha ribadito il suo sostegno ufficiale al presidente, sottolineando che gli Stati Uniti riconoscono la legittimità del governo di Jovenel Moise:

"Nelle nostre dichiarazioni e nelle conversazioni diplomatiche, abbiamo sempre espresso il riconoscimento e la fiducia nelle legittime istituzioni del potere ad Haiti e ai suoi rappresentanti eletti".

Secondo Clarence Renois, stiamo parlando di un "supporto opportunistico", dal momento che il mancato riconoscimento del presidente in carica potrebbe aggravare la crisi. Washington ha una grande influenza su Haiti, ma non riuscirà a cambiare le sorti del potere: se la crisi si prolungherà, gli americani non saranno in grado di cambiare nulla a meno che non vadano per un intervento diretto, il che è improbabile. "Le strade saranno più forti degli Stati Uniti".

"Se un importante movimento popolare chiedesse le dimissioni del presidente, come la scorsa settimana, il sostegno degli Stati Uniti non cambierebbe nulla. Gli Stati Uniti non potranno decidere sull'attuale governo ".

"Una situazione simile si è verificata nel 2004. Il governo degli Stati Uniti sosteneva il presidente in carica (Aristide), e il movimento di protesta prevalse, rovesciandolo. Il supporto una tantum non garantisce un potere duraturo ", ha sottolineato l'esperto.

"I gruppi giovanili e le associazioni sono insoddisfatti della politica americana ad Haiti e spesso mostrano apertamente la propria rabbia […] A tali dimostrazioni, i giovani dicono che gli Stati Uniti hanno troppa influenza".

Il direttore del Centro internazionale di documentazione e informazione haitiano, caraibico e afro-canadese (Centre International de Documentation et d'Information Haïtienne, Caribéenne et Afro-canadienne) Frantz Voltaire ha anche notato un aumento del sentimento anti-americano.

"Che sia vero o meno, l'elezione di Moise come presidente della Repubblica di Jovenel è attribuita agli americani. Come nel caso del suo predecessore, Michel Martelly, si ritiene che questo presidente sia stato imposto dagli Stati Uniti. E questa non è solo la convinzione della società. Il ricercatore brasiliano Ricardo Seintenfus nel suo libro, pubblicato due anni fa, ha accusato gli Stati Uniti di manipolare le elezioni".

Secondo Franz Voltaire, negli ultimi anni gli scandali associati alle ONG occidentali hanno gravemente danneggiato la reputazione degli Stati Uniti. La stampa ha parlato in modo particolarmente negativo della Fondazione Clinton.

"C'è un sentimento di risentimento nei confronti dei politici americani. Dopo il terremoto (nel 2010), non è noto dove è stata inviata l'assistenza internazionale. Bill Clinton è accusato di aver promesso molto, ma di non aver fatto nulla.

L'assistenza internazionale è stata distribuita solamente dagli Stati Uniti e dalle ONG, e in realtà in un altro caso non è noto cosa ne sia stato di questi fondi. Non ci sono state né udienze, né verifiche aggiuntive. "

Secondo i dati forniti dalla Associated Press, il 33% dei $379 milioni raccolti per la ricostruzione è rimasto al governo degli Stati Uniti. Secondo CounterPunch, per ogni dollaro raccolto dagli Stati Uniti, solo 42 centesimi sono stati inviati alle ONG per aiutare Haiti dopo il terremoto.

Correlati:

Gli abitanti di Haiti hanno bruciato la bandiera USA e hanno chiesto aiuto alla Russia
Haiti, disordini: Canada rimpatria 113 cittadini
Media: le vittime dei disordini ad Haiti sono sette
Tags:
Proteste, Protesta, Proteste, Clinton Family Foundation, Haiti
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik