20:17 28 Maggio 2020
Mondo
URL abbreviato
0 03
Seguici su

Nello stato americano dell'Indiana gli agenti dell'FBI hanno trovato nella casa del collezionista Don Miller, morto nel 2015, 2.000 ossa umane. Questo è stato segnalato sul canale TV CBS.

Gli esperti hanno stabilito l'origine dei resti rinvenuti: la maggior parte apparteneva a indiani d'America, in particolare i rappresentanti della tribù Arikar.

"Circa la metà della collezione era degli indiani d'America, e l'altra metà della collezione è stata (raccolta) da ogni angolo del mondo", ha detto il capo del dipartimento crimini d'arte dell'FBI Tim Carpenter.

Nel 2014, circa 42.000 reperti sono stati confiscati dalla collezione Miller, tra cui vasellame proveniente dall'America precolombiana, un mosaico italiano, manufatti provenienti dalla Cina e gioielli cinesi. Secondo l'FBI, il collezionista ha ottenuto molti oggetti illegalmente.

Tutti gli articoli sequestrati da Miller sono stati restituiti a Cambogia, Canada, Colombia e Messico, riporta Sputnik.

Correlati:

Quando l’umanità scomparirà resteranno solo le ossa... di pollo
Centinaia di stranieri ogni anno vanno in Russia per l’allungamento delle ossa
In Ucraina nell'intonaco di una scuola le ossa di prigionieri di guerra sovietici
Tags:
ossa, Collezione, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook