Widgets Magazine
23:46 16 Ottobre 2019
  S-400 Missile System Tests in Kamchatka

Russia: creata arma con intelligenza artificiale

© Foto: YouTube/Sputnik
Mondo
URL abbreviato
2272
Seguici su

Sergey Abramov, direttore industriale del gruppo di armi, munizioni convenzionale e chimica speciale, ha affermato che in Russia ci sono già prototipi di sistemi missilistici in grado di prendere le proprie decisioni sull’obiettivo da distruggere.

Techmash, Kalashnikov e altre imprese tecnologiche di Rostec hanno già creato sistemi d'arma con intelligenza artificiale. Queste armi possono prendere autonomamente le decisioni su come colpire un determinato obiettivo. Lo riferiscono i media russi facendo riferimento a Sergey Abramov, il direttore industriale del gruppo di armi, munizioni convenzionali e chimica speciale.

Abramov assicura che i complessi robotizzati sono attualmente in prova e sono in uno stato di sviluppo attivo. Ha confermato che tale arma può prendere una decisione per indebolire l'obiettivo, ma ha osservato che "questa è una decisione molto seria, e che quindi molto dipende dall'operatore umano. Inviando il complesso in una modalità completamente automatica la persona deve essere sicura al 100% che il bersaglio sia corretto e che il nemico venga distrutto".

Techmash, Kalashnikov e Vysokotochnye Kompleksy hanno dispongono di prototipi per ora. Abramov ha chiarito che tali soluzioni vengono utilizzate da molto tempo nei  lanciarazzi multipli d'artiglieria e ha affermato che "l'intelligenza artificiale non è solo una sostituzione per dell'uomo con la macchina, ma è un'opportunità per fornire una maggiore controllabilità". 

Correlati:

La Russia farà uso di "sistemi intelligenti di armi"
Putin: al mondo non esistono analoghi delle armi russe
Da esportatore ad importatore d'armi: la previsione sul Regno Unito del Financial Times
40 anni di successi, l'Iran celebra la Rivoluzione Islamica mostrando le sue armi
Tags:
Tecnologia, tecnologia, Tecnologia militare, tecnologia, techmash, Kalashnikov, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik