04:45 17 Giugno 2019
Data storica per la navigazione spaziale con l'arrivo della sonda New Horizons in prossimità di uno dei pianeti più misteriosi del sistema solare, Plutone

Scienziati NASA trovano strutture misteriose su Ultima Thule

NASA
Mondo
URL abbreviato
339

Foto dettagliate di Ultima Thule sono state scattate dalla sonda New Horizons nel punto più vicino a questo pianeta nano, le quali indicano la presenza di diverse strutture inspiegabili sulla sua superficie. Lo riporta il sito della NASA.

"Abbiamo corso un grosso rischio. A causa dell'alta velocità di movimento e di uno stretto angolo di visione, avremmo potuto facilmente ottenere foto parziali di Ultima Thule, o non ottenere assolutamente nulla. Abbiamo affrontato questo compito, e ora abbiamo un sacco di cibo per la mente. Molte delle cose che ora vediamo sulla sua superficie non sono simili a nient'altro mai visto prima", ha detto Alan Stern, responsabile del progetto New Horizons.

All'inizio di gennaio di quest'anno, la sonda interplanetaria New Horizons è stata la prima dai tempi della Voyager, a visitare diversi mondi lontani del sistema solare. Il suo primo obiettivo è stato Plutone del quale ha scattato delle meravigliose foto a luglio 2015, e il secondo è stato il pianeta nano 2014 MU69, che ha ricevuto il controverso nome non ufficiale di "Ultima Thule".

Gli scienziati non avevano assolutamente idea di come potesse apparire questo mondo prima che New Horizons trasmettesse le prime foto chiare del 2014 MU69 sulla Terra. Prima di ciò, presumevano che potesse trattarsi di un paio di asteroidi, che ruotavano l'uno intorno all'altro, uno sciame di detriti o un oggetto allungato, simile nella forma a una patata.

Le prime immagini di Ultima Thule hanno mostrato che assomiglia a un bizzarro "pupazzo di neve" gigante. Da poco Stern ei suoi colleghi hanno ricevuto ulteriori porzioni di fotografie e hanno scoperto che in realtà questo oggetto è una bizzarra coppia di strutture rotonde quasi "piatte" che assomigliano a giganteschi pancake o frittelle.

Ciò ha portato i ricercatori ad attendere con impazienza a nuove istantanee e dati scientifici. L'ultima serie di scatti, come notato da Stern, è stata ricevuta dalle stazioni di comunicazione della NASA alla fine della scorsa settimana, e ha portato con sé molte scoperte interessanti.

Ad esempio, gli scienziati hanno confermato la presenza di un gran numero di misteriose macchie bianche e scure sulla superficie di un pianeta nano, la cui natura non è ancora chiara. Inoltre, le telecamere della sonda hanno trovato su Ultima Tula un numero di crateri presuntivi distribuiti in modo estremamente disuguale sulla sua superficie.

"Le caratteristiche di corrispondenza del rilievo su ciascuna metà  di Ultima Thule, così come l'assenza di crateri sull'istmo tra di loro suggerisce che erano molto più vicini l'un l'altro. In altre parole, qualcosa li ha allontanati e ha portato alla formazione di questa struttura", ha detto Marco Parigi, un planetologo della James Cook University di Brisbane (Australia).

Come notato dagli stessi partecipanti alla missione, non sono ancora pronti a dare tali conclusioni e non sanno esattamente come siano emerse tali strutture, che molti astronomi dilettanti hanno già soprannominato "crateri". Molti di loro sono vicini al confine tra i lati "giorno" e "notte" di Ultima Thule, che potenzialmente indicano la possibile partecipazione di processi evaporativi nella loro formazione.

Al momento attuale, la sonda ha superato circa 6,64 miliardi di chilometri dalla Terra, ed è in "condizioni eccellenti". Gli scienziati sperano che nei prossimi due anni troveranno un nuovo obiettivo per il riavvicinamento, che avverrà all'incirca alla fine del 2020.

Correlati:

La sonda New Horizons vola vicino a un asteroide
New Horizons ha sfiorato Plutone
Tags:
Esplorazione, New Horizons, pianeta, Esplorazione dello spazio, NASA, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik