Widgets Magazine
08:40 19 Ottobre 2019
Eni

Eni ha negato esistenza di presunto accordo con Rosneft

© AP Photo / Luca Bruno
Mondo
URL abbreviato
151
Seguici su

Eni non ha partecipato al finanziamento dei partiti politici in alcun modo, come dichiarato dal settimanale L'Espresso, che ha riferito di un presunto accordo per la fornitura di gasolio tra Rosneft ed Eni, ha dichiarato a Sputnik un rappresentante del principale gruppo petrolifero italiano.

"Un articolo sui media descrive il funzionamento della fornitura, cosa che non è mai accaduto" ha sottolineato. Dato l'emergere di tali pubblicazioni su operazioni immaginarie per finanziare i partiti politici, Eni si riserva il diritto di rivolgersi al tribunale per proteggere la propria reputazione", ha detto la fonte dell'agenzia.  

Domenica scorsa, il popolare settimanale italiano L'Espresso ha pubblicato un'indagine giornalistica sotto la voce "3 milioni per Salvini". Questo materiale afferma che la Lega avrebbe condotto colloqui segreti a Mosca al fine di fornire importanti finanziamenti per il partito alla vigilia delle elezioni del Parlamento europeo di maggio.

Il settimanale sostiene che l'assistenza finanziaria russa doveva essere ricevuta dalla Lega attraverso un accordo tra Rosneft ed Eni per la fornitura di 3 milioni di tonnellate di diesel in sei mesi o un anno. Allo stesso tempo, la parte russa avrebbe dovuto dare agli italiani uno sconto del 6%, di cui il 4% era destinato alla Lega, e il resto del denaro avrebbe dovuto essere restituito alla Russia. La rivista sostiene che i negoziati su questo accordo si sono svolti negli ultimi mesi in profonda segretezza tra Gianluca Savoini ("una delle persone più fidate" di Salvini) e "rappresentanti di spicco dell'establishment di Putin".

La pubblicazione scrive che il momento più importante di questa storia è stata la visita di Salvini in Russia nell'ottobre dell'anno scorso. Secondo L'Espresso, il 17 ottobre, si sarebbe incontrato segretamente a Mosca con il vice primo ministro Dmitry Kozak, che sovrintende alla cooperazione bilaterale nel settore energetico. La rivista afferma che questo incontro si è svolto nell'ufficio dell'avvocato di Mosca Vladimir Pligin.

Gli autori della pubblicazione de L'Espresso indicano che sono costretti a usare il congiuntivo, perché non sanno se la transazione è stata del tutto conclusa. Tuttavia, sostengono che il suo obiettivo era il sostegno segreto dei "nazionalisti italiani e del vice primo ministro Salvini" alla vigilia delle elezioni europee.

Venerdì, il quotidiano La Stampa nella versione stampata ha pubblicato un riassunto dell'articolo L'Espresso. Successivamente, Rosneft ha pubblicato una dichiarazione in cui chiedeva che La Stampa confutasse l'articolo sul finanziamento della Lega, osservando che "in caso di rifiuto, avrebbe difeso i suoi diritti in tribunale". Più tardi, la società ha pubblicato richieste simili per L'Espresso. Sabato, La Stampa ha stampato una riassunto della dichiarazione di Rosneft.

Domenica, il portavoce di Kozak, Ilya Dzhus, ha detto ai giornalisti che la "ricerca" de L'Espresso è stata costruita su ipotesi non comprovate, e che il vice primo ministro non è mai stato personalmente a conoscenza di Salvini e non ha tenuto incontri ufficiali o "segreti" con lui.

Correlati:

L'Eni nel 2018 ha aumentato l'utile netto del 25%, fino a 4,2 miliardi di euro
Eni firma un Exploration and Production Sharing Agreement per il Blocco 47 con l'Oman
Incontro a Mosca tra l'ad di Eni e presidente di Rosneft
Tags:
crisi, accusa, accuse, Lega, ENI, Rosneft, Matteo Salvini, Italia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik