23:55 23 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
212
Seguici su

Costruire un grafico partendo da un punto è come minimo difficile. Ancora è più difficile capire come possa essere la vita aliena conoscendo la vita stessa solo nella sua versione terrestre. Ecco perché gli scienziati cercano di creare in laboratorio un DNA alieno.

Questo tentativo è stato fatto da un gruppo di scienziati americani che hanno cercato di creare una molecola simile al DNA, ma costruita in modo diverso. Il DNA, ricordiamo, è il composto chimico di base della vita terrena, che codifica la composizione delle proteine, il metabolismo e, in definitiva, l'intera struttura di un organismo vivente.

Nella natura terrestre, la molecola del DNA consiste di soli quattro nucleotidi (alcuni virus hanno un quinto, ma questo è raro). La povertà del nostro "linguaggio di programmazione" non impedisce di creare tutti gli esseri viventi, dai batteri alle balene blu.

Allo stesso tempo, dal punto di vista della chimica, i possibili nucleotidi possono molto più grandi. In linea di principio, nulla impedisce di creare una tale molecola di DNA con la loro partecipazione. Oppure no?

Il team di scienziati è stato in grado di sintetizzare una molecola di DNA simile usando otto nucleotidi. Quattro familiari per noi in natura terrestre, e quattro creati dagli scienziati. Il risultato è stato chiamato "hachimoji" (dal giapponese "hachi" — "otto" e "modji", che significa "lettera").

Il DNA di Hachimoji soddisfa tutti i requisiti strutturali che consentono al nostro DNA di archiviare, trasmettere e sviluppare informazioni nei sistemi viventi. Se possa davvero svolgere il ruolo di trasmettitore di informazioni in un organismo vivente è ancora da scoprire però. Tali organismi sulla Terra ancora non ci sono, bisognerebbe di crearli.

Correlati:

A cosa assomiglia un singolo filamento di DNA? La risposta degli scienziati svizzeri
Test DNA smentisce la teoria del sosia del collaboratore di Hitler
Tracce dei vichinghi nel DNA degli uomini contemporanei
Tags:
Ricerca, dna, Ricerca scientifica, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook