13:35 13 Dicembre 2019
US Democrats House Sit-In Ends: Why Are Lawmakers Supporting a Bad Bill?

Fox News: i principali socialisti in USA sono gli evasori fiscali miliardari

© AP Photo / Government Handout
Mondo
URL abbreviato
1011
Seguici su

I candidati presidenziali del Partito Democratico in USA sostengono idee socialiste e allo stesso tempo ricevono finanziamenti dai super ricchi, riporta Fox News. Secondo il presentatore Tucker Carlson, i miliardari possono essere capiti: non pagheranno mai per intero le tasse "predatorie", mentre l'immigrazione di massa va solo a loro vantaggio.

Il 2019 è iniziato da solo un paio di mesi, e non gli abbiamo ancora dato un nome. Che ne dici di questo: "Anno del miliardario progressista"? Sedetevi comodamente e osservate i candidati del Partito Democratico concorrere alla presidenza, candidati di sinistra, ma allo stesso tempo strisciano disperatamente ai piedi dei super-ricchi per ottenere fondi per la loro campagna elettorale.

Avete visto qualcosa di simile anche in passato: esempi ovvi sono Tom Steyer e George Soros. Ma ce ne sono molti altri. Sabato scorso… cioè, sabato prossimo, il senatore Corey Booker sarà nella Silicon Valley ad un evento di raccolta fondi organizzato da Gary e Laura Lauder, gli eredi della fortuna di 14 miliardi di Estée Lauder.

Kamala Harris ha appena tenuto una raccolta di fondi a Beverly Hills. È arrivato un intero esercito di ricchi studi cinematografici. E Kirsten Jilibrand non ha nemmeno iniziato la sua campagna elettorale presidenziale senza chiedere il permesso a Wall Street!

Quindi cosa significa tutto questo? I ricchi ora sono molto progressisti! Si possono capire. Amano l'immigrazione di massa: grazie ad essa hanno dei servi. Sostengono lo snobismo obbligatorio a livello nazionale mascherato da protezione ambientale. L'aborto è una causa santa per loro, specialmente nelle aree povere.

Ma ciò che non è chiaro: queste persone sono per definizione ricche, e il Partito Democratico si sta sempre più mobilitando attorno all'idea delle tasse predatorie. Perché i miliardari sono così ansiosi di sostenere i candidati che vogliono prendere le loro proprietà per finanziare nuove sovvenzioni sociali? Questo non è chiaro.

Ecco uno dei motivi: i miliardari capiscono che non dovranno mai pagare queste tasse. Perché? Perché dopo 500.000 dollari l'aliquota dell'imposta federale sul reddito cessa di aumentare. Qual è la differenza tra chi guadagna 500.000 dollari l'anno e chi guadagna 50 milioni di dollari all'anno? La risposta è: per coloro che sono più ricchi è molto più facile evitare di pagare l'intero importo. E lo fanno.

Questo gruppo riceve molti più guadagni dal reddito del capitale, per i quali l'aliquota d'imposta è due volte inferiore rispetto al vostro stipendio. Parte di questo profitto non è affatto tassabile.

Secondo la legge fiscale del 2017, coloro che investono nelle "zone di opportunità" designate dal governo federale non pagano affatto l'imposta sulle plusvalenze. A proposito, una di queste "zone di opportunità" si trova vicino all'Army Navy Country Club di Arlington, in Virginia. Questa è uno dei codici postali più prestigiosi d'America.

Ma anche secondo le loro dichiarazioni fiscali ufficiali, anche con i loro guadagni, gli americani più ricchi pagano meno. Secondo l'Internal Revenue Service, l'1% più ricco degli americani paga in tasse circa il 27% del proprio reddito. Allo stesso tempo, un decimo dell'1% degli americani più ricchi, persone che guadagnano 35 milioni all'anno, pagano meno del 26%. E il millesimo dell'1% degli americani più ricchi, il ricchi dei più ricchi, paga meno del 24%.

In altre parole, dopo un certo momento, più sei ricco, meno paghi. Ecco perché i miliardari sostengono il socialismo: per loro non costa così tanto.

Correlati:

Dopo Coffeeshop e donne in vetrina, ora si va in Olanda per non pagare le tasse
Grecia propone tasse sulla ricchezza per compensare perdite dell'UE dalla Brexit
Usa, Trump critica democratici: Consentono politica frontiere aperte
Tags:
Tasse, partito democratico, tassa, Introduzione tasse, partito Democratico, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik