14:19 21 Novembre 2019
Kaliningradskaya Kosa (nota anche come il cordone della Vistola)

Polonia accusa Commissione europea di sostenere interessi russi

CC BY 3.0 / Fastboy / View to the Vistula Lagoon and Spit from Baltiysk.
Mondo
URL abbreviato
209
Seguici su

La Commissione europea sostiene gli interessi della Russia riguardo il canale attraverso il cordone della Vistola, ha dichiarato il ministro dell'Economia marittima e della Navigazione della Polonia, Marek Grubarchik. Secondo lui, le proteste contro la costruzione del canale sono iniziate dopo le lamentele da parte russa, riferisce Polskoe Radio.

Il funzionario è convinto che Mosca abbia influenzato la posizione dell'organo esecutivo, così la CE ha deciso di tenere colloqui con gli esperti polacchi sul canale.

Grubarchik ha sottolineato che la costruzione non rappresenta una minaccia per l'ambiente, come affermato dalla Russia. Il ministro ha esortato la CE a non soccombere alla sua influenza. Ha aggiunto che è stata Mosca a parlare per la prima volta del danno ambientale, e poi questo pensiero è stato raccolto dagli attivisti.

Come dichiarato dalla stazione radio, il costo di costruzione è di circa 880 milioni di zloty (234 milioni di dollari). La costruzione sarà finanziata dal bilancio della Polonia senza la partecipazione di fondi UE.

In precedenza, venerdì 22 febbraio, la portavoce di Greenpeace Polska, Magdalena Figura, ha affermato che la costruzione del canale attraverso il cordone della Vistola rappresenta una seria minaccia per l'ambiente. L'organizzazione ha presentato un reclamo alla CE, riferisce DoRzeczy.

Il canale collegherà la Baia della Vistola con il Mar Baltico e permetterà alle navi polacche di entrare nei loro porti evitando le acque territoriali russe.

Correlati:

Commissione Europea bolla Russia come “più grande fonte di disinformazione” in Europa
La Polonia scaverà un canale nel cordone della Vistola per l’indipendenza dalla Russia
Una colonia USA sulle rive della Vistola?
La Polonia ingrandisce il suo territorio
Tags:
Politica, Tecnologia, Costruzione, Canale di navigazione, Politica europea, tecnologia, Commissione Europea, Polonia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik