Widgets Magazine
22:26 20 Ottobre 2019
Anziani

Essere attivi – fisicamente e mentalmente – aiuta a prevenire il morbo di Alzheimer

© Sputnik . Igor Zarembo
Mondo
URL abbreviato
110
Seguici su

Gli scienziati dell'Università di Göteborg, in Svezia, hanno scoperto che l'attività fisica e mentale nella mezza età riduce significativamente il rischio di sviluppare demenza senile e morbo di Alzheimer. Lo riporta oggi EurekAlert!

Lo studio, durato 44 anni, ha coinvolto 800 donne svedesi. Tra i volontari è stata condotta un'indagine durante la quale hanno indicato il livello della loro attività mentale e fisica. L'attività mentale comprendeva la lettura e la scrittura, la partecipazione a concerti, il canto in un coro, il ricamo e il giardinaggio. Allo stesso tempo, gli scienziati hanno assegnato punti per ciascun tipo di attività, con un punteggio massimo di 10 punti.

A seconda dei risultati, i soggetti sono stati divisi in due gruppi: uno comprendeva i volontari che hanno ottenuto non più di due punti; l'altro da persone con un punteggio da tre a dieci punti (il 56% di tutti i partecipanti). Analogamente, è stata valutata l'attività fisica, e le donne sono state divise in gruppi attivi (82%) e inattivi (17%).

Per tutta la durata dello studio, 194 donne hanno sviluppato demenza, 102 donne il morbo di Alzheimer, 27 demenza vascolare e 41 demenza mista. Si è scoperto che nei soggetti con un alto livello di attività mentale, il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer era ridotto del 46% e il rischio di demenza, in generale, del 34%. L'attività fisica ha ridotto la probabilità di demenza vascolare del 52% e la demenza mista del 56%.

Correlati:

Scoperta nuova causa della schizofrenia
L'attivazione genica allevia i sintomi della depressione
Andare spesso al cinema contribuisce a prevenire la depressione
Tags:
demenza, Morbo di Alzheimer, Ricerca, Salute, Svezia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik