17:23 22 Maggio 2019
Raffreddore

Trovate cellule immunitarie attive contro ogni tipo di virus influenzale

© Depositphotos / Subbotina
Mondo
URL abbreviato
120

Nel sistema immunitario umano è stata trovata una popolazione speciale di linfociti T, che sono attivi contro tutti i tipi di virus influenzali pericolosi per l'uomo. La scoperta dà speranza per lo sviluppo di un rimedio universale il cui uso consentirà di sviluppare un'immunità per almeno diversi anni. Lo riporta la rivista Nature Immunology.

Tre tipi di virus influenzali che infettano gli esseri umani circolano costantemente in tutto il mondo oggi: A, B e C. Esiste anche un virus dell'influenza D, ma secondo i dati disponibili non è pericoloso per l'uomo. Una caratteristica di questo virus è la rapida crescita delle mutazioni in molte proteine, a causa della quale i vaccini sviluppati sono efficaci solo contro la varietà diffusa nella stagionale. Tuttavia, se una persona ha delle cellule in grado di riconoscere qualsiasi tipo di virus, questo dà la speranza di trovare nuovi metodi di controllo fondamentalmente nuovi, molto più efficaci della vaccinazione annuale.

Nel nuovo lavoro gli scienziati hanno analizzato 67.000 genomi virali usando il metodo della spettrometria di massa per identificare tutte le varietà di proteine uguali tra di loro. Le parti dei virus ottenute sono state poi utilizzate negli esperimenti sui topi con lo scopo di addestrare il sistema immunitario degli animali. Gli esperimenti hanno avuto successo, i roditori sono risultati molto più resistenti a infezioni e infiammazioni. Si è scoperto che questa attività è garantita dai linfociti T di tipo CD8 +, la cui attività contro l'influenza A era nota, ma la risposta immunitaria ai tipi B e C non era mai stata studiata a sufficienza. Le cellule con la stessa attività sono state trovate in persone sane.

Tuttavia, il rimedio universale è ancora lontano: secondo le stime degli autori, circa il 54% della popolazione mondiale ha il tipo di linfociti T CD8 + necessari per iniziare una risposta immunitaria. Tuttavia, gli scienziati sono ottimisti e sperano che le cellule umane possano essere addestrate per sbarazzarsi di qualsiasi tipo di influenza.

Correlati:

In Marocco 11 decessi per il virus dell'influenza suina
Salute, epidemia d’influenza virus A nella maggior parte dell’Europa
Influenza in crescita: in una settimana 256mila italiani a letto
Tags:
malattia, malattia, Ricerca scientifica, Mondo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik