Widgets Magazine
04:33 24 Agosto 2019
Squalo bianco

Gli squali bianchi potrebbero aiutare gli scienziati a trovare una cura per il cancro

CC BY 2.0 / Elias Levy / Great White Shark
Mondo
URL abbreviato
110

Gli animali, che sono sulla Terra da milioni di anni, si sono evoluti per essere immuni alla malattia. Lo riporta oggi Sky News.

I grandi squali bianchi potrebbero aiutare gli scienziati a scoprire una cura per il cancro degli esseri umani grazie al loro enorme e straordinario genoma.La prima "mappatura" del DNA dell'animale ha rivelato una serie di mutazioni che lo proteggono dalla malattia e da altre condizioni correlate all'età, oltre a migliorarne la guarigione delle ferite.

Gli squali bianchi esistono sulla Terra da almeno 16 milioni di anni. Possono raggiungere una lunghezza di sei metri e pesare fino a tre tonnellate.Gli scienziati hanno scoperto che nel corso del tempo hanno sviluppato numerosi cambiamenti molecolari nei geni legati alla riparazione del DNA e alla tolleranza al danno. Questi adattamenti hanno fatto in modo che il genoma dello squalo si mantenesse stabile.

"Non solo è stato trovato un numero sorprendentemente alto di geni di stabilità del genoma che contenengono questi cambiamenti adattivi, ma c'era anche un arricchimento di molti di questi geni, sottolineando l'importanza di questa messa a punto genetica nello squalo bianco", ha dichiarato il co-autore dello studio, il dottor Mahmood Shivji, direttore del Centro di ricerca sugli squali Save Our Seas Foundation presso la Nova Southeastern University in Florida. 

Al contrario, gli esseri umani soffrono di alti tassi di instabilità del genoma causati da danni accumulati al DNA, ciò spiega la loro vulnerabilità alle malattie legate all'invecchiamento, come il cancro.    

Correlati:

Dalla Polonia arriva la dieta a base di crauti contro il cancro al seno
Azienda israeliana annuncia che in un anno produrrà cura completa per il cancro
Scoperto metodo per curare il cancro
Tags:
squalo, cura, Ricerca, cancro, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik