08:07 19 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
0 30
Seguici su

I deputati britannici ha accusato Facebook di violare "deliberatamente" le leggi sulla riservatezza dei dati e chiedono l’apertura di un'inchiesta. Lo afferma il rapporto Fake News del comitato digitale della Camera dei Comuni britannica.

"L'ufficio del commissario per l'informazione (ICO) ha riferito alla commissione che Facebook ha bisogno di cambiare in modo significativo il modello di business e i metodi di lavoro per mantenere la credibilità. Dai documenti che abbiamo ricevuto da Six4Three risulta evidente che Facebook ha deliberatamente violato la riservatezza dei dati e le leggi sulla concorrenza. L'ICO dovrebbe condurre un'indagine dettagliata sui metodi operativi di Facebook, sull'utilizzo che fa' dei dati degli utenti e la reciprocità nello scambio dei dati", afferma il rapporto.

"Non dovremmo permettere ad aziende come Facebook di comportarsi come gangster digitali nel mondo di Internet, considerandosi al di sopra e al di fuori della legge", sottolinea il documento.

I parlamentari britannici, citando le prove dei documenti di Six4Three, hanno concluso che "Facebook voleva assumere il controllo delle impostazioni sulla privacy degli utenti per trasferire dati ad alcuni sviluppatori di applicazioni, addebitare alti prezzi pubblicitari da parte di alcuni sviluppatori per condividere questi dati e privare alcuni sviluppatori, come Six4Three, di questi dati, portandoli quindi a perdere business… Sembra ovvio che Facebook, come minimo, ha violato l'accordo con la Federal Trade Commission", continua il documento.

I delegati hanno raccomandato alle autorità del Regno Unito di condurre un'indagine nei confronti di Facebook per scoprire se la società usa "la sua posizione dominante nel mercato dei social network per decidere quale azienda debba avere successo e quale debba fallire".    

Correlati:

Facebook blocca pagine sospette, Simonyan: è scontro geopolitico
Media: Facebook rischia miliardi di multa a causa di un trasferimento di dati personali
Facebook cancella (di nuovo) il profilo del direttore di Sputnik Lettonia
Tags:
violazione, privacy, Facebook, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook