Widgets Magazine
10:44 24 Agosto 2019
Bandiera del Venezuela

Boulevard Voltaire: l'assistenza umanitaria USA al Venezuela è pretesto per l'invasione

© REUTERS / Manaure Quintero
Mondo
URL abbreviato
4202

Le riserve petrolifere del Venezuela potrebbero trasformare il paese nell' "Arabia Saudita sudamericana", se non fosse stato per l'intervento degli Stati Uniti, ritiene Boulevard Voltaire.

Quando si tratta di petrolio, gli Stati Uniti usano sempre la stessa tattica per un intervento militare in un paese ricco di risorse, scrive l'autore dell'articolo. "L'aiuto umanitario sarà il cavallo di troia, progettato per fornire all'opposizione venezuelana armi e munizioni, dice il quotidiano. Il bacino petrolifero di Orinoksky comprende un'area di 55mila chilometri quadrati, traboccante di petrolio e gas, potrebbe trasformare il Venezuela " nell'Arabia Saudita sudamericana", ha detto Boulevard Voltaire. Tuttavia "ogni volta che in qualche parte del mondo è versata una goccia di petrolio, appaiono gli USA, si può essere sicuri", dice l'autore dell'articolo.

La tattica è sempre la stessa: prima il paese compie un duro embargo (è il caso dell'Iran e della Russia) al fine di vedere morire di fame la popolazione, innescando così il malcontento nei confronti delle autorità locali, poi si passa all' "istigazione" del cambio di regime, e poi all'invasione con il pretesto della consegna di aiuti umanitari. Tutto questo far sembrare una missione umanitaria, ciò che consente di far entrare "potenze amiche". Lo stesso scenario stanno per metterlo in pratica "Trump, Pompeo e Bolton " in Venezuela, dice il quotidiano.

Come ricorda Boulevard Voltaire, le sanzioni contro il leader venezuelano Maduro le ha introdotte per la prima volta Barack Obama nel 2013. "Gli USA possono capire: vedere come i soldi del petrolio generosamente finanziano i socialisti del movimento in Sud America e questo non va bene" scrive ironicamente l'autore.

Dato che oggi la sfida politica si aggiunge a quella del petrolio (la produzione di olio di scisto si è rivelata troppo costosa e dannosa per l'ambiente), "è facile da capire, perché Trump e i suoi complici hanno iniziato l'operazione per rimuovere Maduro", dice la pubblicazione. Tuttavia, in modo inaspettato, un certo numero di paesi europei, tra cui la Francia, ha riconosciuto  come presidente Guaidò, a differenza della Russia e della Cina, che non lo hanno fatto.

Nonostante il consenso nei confronti della leadership in Venezuela manchi nella comunità internazionale, nel paese secondo i sondaggi, il 57% dei venezuelani riconosce come presidente Maduro, Il 37% Guaidò, mentre l ' 11% si astiene. Gli USA ancora una volta cercano di utilizzare l'aiuto umanitario come pretesto per l'invasione del paese, avverte l'autore dell'articolo. Secondo lui, nelle zone di confine tra Brasile e Colombia, sono già pronti per l'invio della colonna di aiuti umanitari, rifiutati da ONU e Croce rossa internazionale, con il pretesto di "non interferenza" negli affari del Venezuela.

Come ricorda Boulevard Voltaire, gli USA sono sospettati di usare questo cavallo di troia come in Siria per la fornitura di armi e munizioni all'ISIS.

Correlati:

Gli aerei USA con aiuti umanitari per il Venezuela arrivati in Colombia
Ue-Usa, incontro tra Mogherini e Pompeo: focus su Venezuela
Venezuela, ministro Esteri: risponderemo in maniera proporzionata all'aggressione esterna
Tags:
Aiuti umanitari, colpo di stato, Aiuti umanitari, Colpo di stato, Nicolas Maduro, Venezuela, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik