Widgets Magazine
06:34 21 Agosto 2019
A police officer looks on as a crowd enters the Delimart supermarket complex, which had been burned during two days of protests against a planned hike in fuel prices in Port-au-Prince, Haiti, Sunday, July 8, 2018.

Gli abitanti di Haiti hanno bruciato la bandiera USA e hanno chiesto aiuto alla Russia

© AP Photo/ Dieu Nalio Chery
Mondo
URL abbreviato
14410

Ad Haiti i manifestanti hanno protestato contro l'alleanza USA e si sono rivolti a Mosca, Caracas e Pechino per aiutarli nella risoluzione della crisi, ha riferito Le Journal de Montreal.

"Vogliamo denunciare la definitiva rottura con gli USA, non ne possiamo più dell'occupazione americana" ha detto ai giornalisti il leader del gruppo di manifestanti, di nome Bronson. Come osservano i media, i partecipanti della protesta di Port-au-Prince, la capitale della repubblica, hanno definito il presidente del paese Moise e l'ex capo di stato Michel Martelly "tirapiedi di Washington". Gli abitanti di Haiti hanno bruciato la bandiera americana, cantando: "abbasso gli americani, viva Putin!"

La polizia ha dovuto usare gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti.

Le prime proteste di massa nella Repubblica di Haiti sono cominciate la scorsa settimana. I residenti chiedono le dimissioni del Presidente Zhovenel Moise, accusano il suo governo di non riuscire a garantire ai cittadini le cose più necessarie. Nonostante i disordini che hanno colpito il paese, Moise ha detto che non ha intenzione di lasciare l'incarico. Secondo i media, le vittime delle azioni non sono meno di sette persone. Tra di loro c'è un giovane uomo che è stato ucciso a pochi metri dal Palazzo Presidenziale di Port-au-Prince.

Correlati:

Media: le vittime dei disordini ad Haiti sono sette
Haiti, disordini: Canada rimpatria 113 cittadini
Usa, entro luglio 2019 revoca Temporary Protected Status per cittadini Haiti
Tags:
scontri, Manifestanti, Feriti, Protesta, Polizia, Vladimir Putin, Haiti
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik