17:56 04 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
La crisi politica in Venezuela (443)
5191
Seguici su

La comunità internazionale dovrebbe incoraggiare le controparti in Venezuela al dialogo, e non proporre ultimatum, ha detto il ministro degli Esteri della Federazione russa Serghej Lavrov.

Secondo il ministro, la situazione in Venezuela è stata discussa nel corso degli incontri bilaterali "sul campo" alla conferenza di Monaco sulla sicurezza.

"Se si segue il diritto internazionale sancito nella Carta delle Nazioni Unite, la crisi venezuelana è una questione interna, e la comunità internazionale dovrebbe incoraggiare i venezuelani a trovare una soluzione tra di loro, come hanno fatto Uruguay, Messico, paesi della comunità dei Caraibi, Russia, Cina, Iran, Bolivia e molti altri paesi", ha detto Lavrov a Monaco di Baviera ai giornalisti.

"Ma si è rivelato essere questo un piano che non si voleva usare per il destino dello stato venezuelano. Allora, invece del diritto internazionale, della Carta delle Nazioni unite, sono state usate quelle regole che questo problema cercano di risolverlo, costringendo il presidente regolarmente eletto ad andare a elezioni anticipate. E parallelamente, nell'ambito delle stesse regole, il signor Guaidò viene proclamato dall'esterno come presidente ad interim. Il carattere senza precedenti di tutto ciò che sta accadendo, a mio parere, è evidente anche ai miei colleghi dell'Europa occidentale, che hanno parlato volentieri della questione", ha aggiunto il ministro.

Tema:
La crisi politica in Venezuela (443)

Correlati:

Venezuela, Mosca: Lavrov ha messo in guardia Pompeo da interferenze in affari interni
Lavrov: Mosca non può imporre nulla ai palestinesi
Lavrov diventa per sbaglio ministro degli Esteri tedesco
Tags:
Costituzione, Protesta, Situazione in Venezuela, Consiglio di sicurezza, Sergej Lavrov, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook