03:10 06 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 21
Seguici su

L'ex segretario di Mao Zedong, Li Rui, un audace critico del Partito Comunista al potere in Cina che ha passato una vita vicino al centro della politica d'élite, è morto sabato all'età di 101 anni, ha detto la sua famiglia.

Li è stato ricoverato in un ospedale di Pechino per un'infezione polmonare l'anno scorso ed è morto a causa di un collasso degli organi a Pechino, ha detto sua figlia in una e-mail ad AFP.

Li si era guadagnato una posizione accanto al leader supremo della Cina nella metà degli anni '50, concentrandosi sullo sviluppo industriale.

Ma poi si fece avanti parlando dei fallimenti della politica di Mao sul Grande Balzo in avanti, che intendeva amplificare la produzione economica della Cina, scatenando invece il caos e la carestia in tutto il paese.

Il Partito Comunista espulse Li e durante la Rivoluzione Culturale e fu imprigionato per otto anni nella famigerata prigione di Qincheng vicino a Pechino.

Fu riabilitato nel 1979 quando i moderati presero il potere e alla fine occupò una posizione chiave nel potente Dipartimento dell'organizzazione del partito prima di essere nuovamente costretto a lasciare il suo incarico nel 1984.

In seguito divenne un sostenitore delle riforme politiche e nel 2007 pubblicò articoli che chiedevano che il partito diventasse un partito socialista di stampo europeo.

Li si è anche opposto a un cambiamento costituzionale dello scorso anno che ha rimosso i limiti del mandato presidenziale e che ha spianato la strada all'attuale presidente Xi Jinping per rimanere al potere indefinitamente.

"Xi Jinping vuole un sistema per tutta la vita", ha detto Li in un'intervista al quotidiano di Hong Kong Ming Pao.

Come noto esperto del presidente Mao, Li ha pubblicato diversi libri sull'ex leader.

Li ha detto in una lettera aperta l'anno scorso che alcuni dei suoi lavori erano stati banditi in Cina.

"Dovremmo lasciare che la gente parli, così da aumentare la fiducia del partito nei confronti della gente", ha detto Li nella lettera.

Ha continuato a scrivere fino ai suoi ultimi giorni, ha detto sua figlia Li Nanyang.

Scriveva sempre le stesse parole: "tutti dovrebbero essere soggetti a quattro tipi di restrizioni nella vita: età, conoscenza, abilità ideologiche e carattere personale".

"Le parole mi ispirano a continuare a lottare per un'apertura per un governo costituzionale che mio padre e mio nonno hanno perseguito per tutta la vita", ha detto ad AFP.

Correlati:

Fatturato commerciale Russia e Cina cresce del 10,8%
La Cina protesta per le navi USA nel Mar Cinese Meridionale
Xi Jinping: Cina disposta a rafforzare la cooperazione con l'Iran
La nuova era della Cina: Xi Jinping proclama i quattro principi essenziali
Tags:
Politica, politica, Politica cinese, Cina, Partiti, Partito Comunista, Mao Zedong, Xi Jinping
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook