Widgets Magazine
16:31 20 Settembre 2019
Facebook

Dipartimento antimonopolio tedesco limita Facebook nella raccolta dei dati degli utenti

© Sputnik . Natalia Seliverstova
Mondo
URL abbreviato
0 02
Seguici su

Il dipartimento anti-monopolio della Germania ha deciso di limitare Facebook nel raccogliere i dati degli utenti da varie fonti, come WhatsApp e Instagram, secondo un comunicato stampa sul sito web del dipartimento.

Il regolatore spiega che, in base alle regole e alle condizioni per l'utilizzo del social network, gli utenti sono obbligati a consentire la raccolta dei propri dati, anche al di fuori del sito o dell'applicazione Facebook su uno smartphone. Quindi questi dati sono legati all'account utente nel social network. Questo vale per tutti i dati, ad esempio, dai servizi di WhatsApp e Instagram, nonché dai dati di siti di terze parti.

"Servizi come WhatsApp e Instagram di proprietà di Facebook possono continuare a raccogliere dati.Tuttavia, il collegamento di questi dati sugli account utente su Facebook sarà possibile solo con il consenso volontario degli utenti.Se non esiste tale consenso, i dati devono rimanere entro i rispettivi servizi e non possono essere elaborati insieme ai dati di Facebook ", si legge nel comunicato stampa. Si fa notare che la raccolta di dati da siti di terze parti sarà possibile anche solo con il consenso volontario degli utenti.

"In futuro, a Facebook non sarà più consentito forzare i propri utenti ad accettare la raccolta praticamente e virtualmente illimitata dagli account Facebook di dati esterni al social network. Combinare le fonti di dati significa essenzialmente che Facebook è in grado di creare un database univoco per ogni singolo utente al fine di rafforzare la propria posizione sul mercato. In futuro, i consumatori saranno in grado di impedire a Facebook di raccogliere e utilizzare i propri dati in modo illimitato", ha dichiarato il presidente del dipartimento, Andreas Mundt.

Secondo lui, come azienda dominante nel mercato tedesco, Facebook è soggetta a obblighi speciali, secondo la legge sulla concorrenza. "L'unica scelta che gli utenti hanno è quella di accettare la combinazione completa di dati o astenersi dall'utilizzare il social network: in una situazione così difficile, la scelta degli utenti non può essere spiegata con il consenso volontario", ha sottolineato Mundt.

Secondo la decisione del dipartimento, Facebook è obbligata a modificare i termini e le condizioni per l'utilizzo del proprio servizio entro 12 mesi. Secondo la legge sulla protezione dei dati personali, Facebook deve mostrare in modo trasparente le azioni che l'azienda sta elaborando. Inoltre, l'autorità di regolamentazione tedesca ha ordinato a Facebook di presentare un piano di attuazione con un'indicazione dettagliata delle prestazioni tecniche degli obblighi.

Se Facebook non rispetterà queste condizioni, sarà possibile imporre una multa fino al 10% delle entrate annuali della società. Alla fine del 2018, i ricavi della rete sociale ammontavano a 55,838 miliardi di dollari, con un aumento del 37% rispetto all'anno precedente.

Facebook ha già annunciato la sua intenzione di fare ricorso alla decisione dell'autorità di regolamentazione tedesca presso il tribunale dell'Alta Land di Düsseldorf. Tra le altre cose, la società ritiene che l'autorità tedesca abbia sottovalutato la forte concorrenza di YouTube, Snapchat e Twitter.

Correlati:

Museo di Ginevra critica Facebook per la censura di foto di statue antiche senza veli
La Merkel ha deciso di cancellare la sua pagina di Facebook
Cancellarsi da Facebook rende più felici
Zuckerberg: Facebook non vende i dati degli utenti agli inserzionisti
Tags:
Facebook, dati personali, utilizzo dati, dati, Legge sui dati personali, Whatsapp, Instagram, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik