16:59 20 Febbraio 2019
La bandiera di Hezbollah

Hezbollah determina piani in caso di attacco USA contro l’Iran

© flickr.com / upyernoz
Mondo
URL abbreviato
2180

Il leader del movimento islamista Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha dichiarato di essere pronto a sostenere l'Iran in caso di guerra contro la Repubblica islamica. Lo riporta il 7 febbraio Al-Masdar News.

"Se ora non c'è una guerra in corso con l'Iran, questo non significa che Trump non lo voglia. Tutto ciò è dovuto al fatto che l'Iran è forte, perché l'Iran può contrattaccare", ha detto, parlando a una manifestazione a Beirut, mercoledì, in occasione del 40° anniversario della rivoluzione islamica in Iran.

Il leader del partito sciita ha anche notato che la Repubblica islamica è lo stato più forte della regione.

Va notato che il discorso di Nasrallah ha seguito la formazione della scorsa settimana in Libano di un nuovo governo in cui Hezbollah controlla tre ministeri.

In precedenza, Nasrallah ha affermato che nel futuro conflitto tra Israele, Siria e Libano parteciperanno molti guerriglieri provenienti da Iran, Iraq e Yemen. Ha chiarito che potrà esserci partecipazione delle forze che combattono nella guerra civile siriana dalla parte del presidente ufficiale Bashar al-Assad in caso di un possibile scontro. Allo stesso tempo, lo stato ebraico ha ripetutamente indicato che intende opporsi alla presenza militare di Teheran in Siria proprio a causa della sua cooperazione con Hezbollah.

Voci su un possibile attacco statunitense contro strutture in Iran sono apparse nell'estate del 2018, dopo che Trump si è rivolto al presidente iraniano Hassan Rouhani. "Non osi mai più minacciare gli Stati Uniti, altrimenti affronterete le conseguenze che poche persone hanno dovuto affrontare nella storia", ha detto. In risposta, l'Iran ha minacciato Washington di una guerra distruttiva e dell'annientamento di "tutto ciò che gli Stati Uniti hanno". Prima di questo, Rouhani aveva dichiarato che il leader americano non doveva giocare con il fuoco e che non ha il diritto di provocare gli iraniani.

Le relazioni tra Stati Uniti e Iran sono diventate tese dopo che nel maggio 2018 Washington si è ritirato dall'accordo nucleare con l'Iran, accusandolo di non rispettare i termini dell'accordo. Teheran e sei paesi intermedi (Stati Uniti, Russia, Regno Unito, Cina, Francia e Germania) hanno concordato le condizioni del programma nucleare iraniano nell'estate 2015. L'accordo ha imposto restrizioni alle attività nucleari di Teheran in cambio della revoca delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e delle misure restrittive imposte dagli Stati Uniti e dall'UE.

Correlati:

Netanyahu: governo libanese controllato dall'Iran tramite Hezbollah
Iran, nuovo missile da crociera a lungo raggio è in dotazione all’esercito
Facebook e Twitter rimuovono gli account sospettati di promuovere gli interessi dell'Iran
Tags:
guerra, Guerra, Guerra, Hezbollah, Hassan Nasrallah, Donald Trump, Hassan Rouhani, Iran
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik