00:39 18 Febbraio 2019
Hollywood

Le attrazioni turistiche più costose al mondo

© flickr.com/ Tom Benson
Mondo
URL abbreviato
0 03

Le attrazioni turistiche influenzano il costo degli alloggi nelle loro vicinanze, riporta il Daily Mail.

Gli esperti hanno valutato l'effetto inflazionistico delle venti attrazioni più visitate al mondo e hanno scoperto quanto è più costoso vivere accanto a esse, ad esempio a una distanza di un chilometro e mezzo.

Si è scoperto che i turisti che vogliono vivere vicino alla celebre scritta di Hollywood dovrebbero essere pronti a pagare l'importo di un milione e mezzo di dollari, che è il 1057% in più del costo degli alloggi in qualsiasi altra parte di Los Angeles.

Il secondo posto nella lista delle attrazioni che maggiormente influenzano il valore del settore immobiliare è occupato dal grattacielo più alto del mondo, il Burj Khalifa a Dubai. La sua altezza è di 828 metri. L'alloggio vicino a uno dei simboli di Dubai avrà un costo del 687% in più rispetto a qualsiasi altra parte della città, poco più di un milione di dollari.

Il terzo posto nella lista è stato occupato dal monumento a Washington. L'alloggio vicino a questo obelisco di 169 metri, che si trova tra la Casa Bianca e il Campidoglio, è il 678% più costoso che altrove a Washington, vale a dire quasi due milioni e mezzo di dollari.

Nella lista sono inclusi inoltre la Sydney Opera House (aumenta il valore degli immobili vicini del 459%), la Torre Eiffel (aggiunge il 334% al prezzo dell'appartamento), il Museo Guggenheim a Bilbao (+ 171%), il Golden Gate Bridge a San Francisco (+ 264%) e altri.

L'unica attrazione, vicino alla quale l'alloggio è un po 'più economico rispetto ad altre zone della città, è il Colosseo. La vera differenza di prezzo è solo lo 0,1%.

Correlati:

Cracovia è prima città europea per il turismo low-cost, Bologna al quarto posto
Pubblicata la classifica delle migliori mete del turismo salutare
Turismo invernale in Crimea
In Crimea cresce il turismo medicale
Tags:
Turismo, turismo, Mondo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik