16:33 20 Febbraio 2019
Artificial intelligence

Nuova pelle artificiale darà all’uomo abilità sovrumane

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
142

Dei ricercatori hanno sviluppato una pelle artificiale, dotata di vari sensori, che consente, in particolare, di percepire un forte campo magnetico e cambiamenti di pressione.

La nuova pelle artificiale è stata sviluppata da esperti dell'Università del Connecticut e di Toronto. Il lavoro sullo sviluppo è stato pubblicato sulla rivista Advanced Materials.

È stato riferito che la pelle è dotata di sensori multifunzionali in grado di rilevare un forte campo magnetico, cambiamenti di pressione e vibrazioni delle onde sonore. "Il tipo di pelle artificiale che abbiamo sviluppato può essere chiamato pelle elettronica", ha osservato Islam Mosa, uno dei ricercatori di Digital Trends.

"Si tratta della nuova elettronica indossabile intelligente che è flessibile, estensibile e adattabile e ha capacità sensoriali uniche che imitano la pelle umana".

Allo stesso tempo, tuttavia, non solo imita la pelle umana, ma è anche in grado di fornire abilità sovrumane.

La pelle, come notato, utilizza un "nanogeneratore multimodale triboelettrico a base di ferrofluido" (FO-TENG), che è essenzialmente un nanotubo di silicone elastico riempito con ferrofluido (questo fluido è altamente polarizzato in presenza di un campo magnetico). Secondo i ricercatori, la pelle è impermeabile, confortevole ed estensibile e può mantenere la sua forma per anni. Tuttavia siccome la pelle sviluppata non è abbastanza sottile come la pelle reale gli specialisti stanno cercando un modo per ridurre il profilo del prototipo tubolare.

Correlati:

In Russia si lavora su tecnologia per conservare a lungo gli organi da trapiantare
Prestazioni senza precedenti: USA valutano la tecnologia dei missili russi
Russia trasferisce tecnologia a Cina in cambio di ammodernamento portaerei russa
La tecnologia italiana per la plastica bio arriva in Russia
Tags:
Tecnologia, tecnologia, tecnologia, Mondo, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik